La Banca Popolare dell’Emilia Romagna , originariamente conosciuta come Banca Popolare di Modena è stata fondata nel 1867. Essa è strutturata secondo il modello cooperativo che attribuisce un voto per ogni azionista, indipendentemente dal numero di azioni possedute.  A seguito delle numerose aggregazioni, perlopiù in territorio regionale,  la banca Popolare dell’Emilia Romagna è cresciuta sostanzialmente ed ha conquistato fette di mercato sempre più grandi. Nel 1992, ha assunto la denominazione di Banca Popolare dell’Emilia Romagna. L’acquisizione delle banche locali, ha garantito un  forte radicamento con le realtà regionali e provinciali (in cui il gruppo agisce con le sue 1300 filiali e nove banche commerciali). Le primarie attività della Banca Popolare dell’Emilia Romagna concernono la raccolta del risparmio e l’ erogazione del credito nelle sue varie forme. La vasta gamma di offerte consente di rispondere con efficacia alla variegata domanda da parte degli utenti. Il gruppo è articolato in numerose società partecipate e joint venture che coprono i principali segmenti di mercato: Corporate & Investment Banking, Wealth Management & Insurance, Leasing, Factoring e Credito al Consumo. Il Gruppo offre, inoltre, assistenza ai propri clienti sui mercati esteri.