Financial news

  1. L'iniziativa della banca centrale cinese si fa più aggressiva. Oltre ad aver iniettato nuova liquidità al sistema finanziario, la People's Bank of China (Pboc) sarebbe intervenuta oggi anche sul mercato valutario. Secondo quanto riporta il Wall Str
  2. Aumento inaspettato degli ordini di beni durevoli negli Stati Uniti. A luglio gli ordini di beni durevoli sono saliti del 2% rispetto al mese precedente quando erano già saliti del 4,1% (dato rivisto al rialzo dal precedente +3,4%). Gli analisti si
  3. Nel primo semestre 2015, il gruppo editoriale RCS ha riportando ricavi per 591,9 milioni di euro, in calo del 3,14% rispetto ai 611,1 milioni di euro dello stesso periodo 2014. Il gruppo editoriale ha visto aumentare la perdita netta, passata dai 70
  4. Sulla piattaforma dell'Ice si assiste a qualche limitato recupero per i prezzi del greggio al giro di boa. Il future sul Brent segna un rialzo dello 0,16% a 43,28 dollari al barile, mentre il future sul WTI guadagna lo 0,1% e torna a 39,35 dollari. L
  5. Il Gruppo Ubi Banca e Confagricoltura hanno raggiunto un importante accordo di collaborazione basato sulla condivisione delle informazioni necessarie per valutare la situazione patrimoniale ed economico/finanziaria delle imprese agricole.L’accordo
  6. Forti acquisti ancora nel pomeriggio su Telecom Italia, che passa di mano a 1,13 euro con un vantaggio di 6,48 punti percentuali sul riferimento. I massimi intraday hanno toccato quota 1,142 euro ponendosi sopra la chiusura del 20 agosto. Impossibile
  7. I titoli del settore del lusso hanno reagito in modo esagerato alla svalutazione dello yuan, in quanto la domanda da parte dei cinesi per i beni del lusso non subirà un forte cambiamento. Questo il pensiero di Scilla Huang Sun, gestore del fondo JB
  8. Lo yuan calerà ancora ma non si tratta di guerra valutaria da parte della Cina. Ne è convinto Hans Bevers, senior economist di Petercam, secondo cui l’aggiustamento dello yuan della scorsa settimana dovrebbe essere visto principalmente nel contes
  9. Lo yuan non entrerà a far parte delle valute di riserva del Fondo monetario internazionale (Fmi) per almeno un anno. L'istituto di Washington ha infatti annunciato ieri sera che estenderà di nove mesi, dal 31 dicembre 2015 al 30 settembre 2016, la
  10. Downgrade in arrivo per il titolo IGD (Immobiliare Grande Distribuzione). Gli analisti della Societe Generale hanno rivisto al ribasso il loro rating attribuendo al titolo quotato a Piazza Affari una valutazione "hold" dal precedente "hold". Il targe

Pagine