Forex News

  1. All’apertura della nuova settimana di contrattazioni, la propensione al rischio in Asia è bassa, l’USD/JPY è sceso ai minimi da 18 mesi. La coppia è calata a 106,28 sulla scia dei dati economici; il PMI manifatturiero
  2. Segnali di allentamento restano di attualità, ieri con SING, e ulteriori aspettative alimentate dai commenti BoJ – GIAPP, a cui hanno fatto seguito azioni da parte della Cina. In calo Yuan, con i suoi rendimenti. In cedimento lo YEN, poi
  3. L’AUD resiste dopo il forte rapporto sul lavorodi Arnaud MassetGiovedì il dollaro australiano ha dimostrato di essere resiliente, è stato infatti capace di resistere al rafforzamento dell’USD. Fatta eccezione per lo yen giap
  4. A Sydney il dollaro australiano ha compiuto un forte balzo, spinto dal PIL del quarto trimestre superiore alle attese. Nel quarto trimestre del 2015, l’economia australiana è cresciuta del 3,0% a, superando il 2,5% previsto dal mercato e
  5. Si è conclusa nella notte la partita del super Tuesday (super martedì ndr) delle primarie USA con una sostanziale vittoria dei due candidati di punta Donald Trump per i Repubblicani e Hillary Clinton, la ex first lady, per i Democratici
  6. Ora che abbiamo visto la mossa di Draghi-ECB, e il dato disoccupazione USA, possiamo nuovamente fare un punto della situazione. Il rischio delusione sottolineato prima della riunione di politica monetaria ECB, si è pienamente avverato, e la sp
  7. Settimana positiva per il cambio eur/usd che, dopo aver segnato, sul mercato spot, un minimo nella giornata di Giovedì 03.12.2015 a 1.0499, ha reagito positivamente e ha intrapreso la via del rialzo facendo registrare nella stessa giornata il
  8. Tutta una questione di aspettativedi Arnaud MassetDopo il brusco rally dell’EUR di ieri – grazie alla BCE – il mercato si prepara al rapporto sul lavoro in uscita nel pomeriggio negli USA. Sulla scia del dato nettamente positivo del
  9. Prima di ECB-Draghi la speculazione sempre molto attiva nel vendere euro, comperare titoli, indifferente ai dati economici e geopolitica. Poi la mossa, studiata e perfetta da parte di Draghi, con tassi invariati, e -10bps sui depositi ulteriore. Ques
  10. Yellen contro Draghi. La sfida è iniziata ieri con il governatore della FED che ha reiterato la necessità per l’istituto di Constitution Avenue di agire in direzione di un rialzo dei tassi nella prossima riunione del FOMC del 16 Dicembre. Janet Y

Pagine