Forex News

  1. Al momento vediamo che i bond periferici dell’Eurozona sono soggetti a una serie di rischi non esaustivi. Ieri c’è stata una repentina inversione del rally dei bond denominati in EUR, in scia alle voci secondo cui la Grecia vorrebbe introdurre t
  2. La lunga serie di dati di ieri non ha modificato gli scenari. In EU crescita rallentata, sotto le attese, e divario entro le nazioni sempre piu’ ampio.La lunga serie di DATI di ieri non ha modificato gli scenari. In EU crescita rallentata, sotto le
  3. Il quadro generale rende più probabile un intervento della BCE alla riunione di giugno. Lo spread fra il nucleo e la periferia dell’UE rimane contenuto viste le attese accomodanti.Le previsioni di liquidità a più buon mercato dalla BCE frenano l
  4. Oggi saranno pubblicati i dati preliminari sul PIL del primo trimestre e le cifre definitive per l’IPC di aprile nell’Eurozona.Il PIL giapponese dovrebbe essere cresciuto dell’1,5% t/t, ciò significa che la stima preliminare per il primo trime
  5. Lateralità dell’euro tra 1.3690 e 1.3730. Tutta l’area passante tra 1.3730 e 1.3750 potrebbe rappresentare una buona zona.Totale de correlazione tra i mercati e prezzi che non reagiscono a pubblicazioni macroeconomiche o relative alle diverse po
  6. Per dovere di cronaca, va detto che la Bank of England ha ieri confermato il tasso di riferimento allo 0,5% e il Quantitative Easing totale a 375 miliardi di sterline. Come atteso il protagonista della giornata di ieri sui mercati finanziari è stato
  7. Oggi focus BoE e ECB, con previsioni di attendismo ulteriore, e un occhio alle parole di Draghi.L’EURO è tornato sui suoi massimi da 2.5anni, contrariamente alle aspettative di molti (quasi tutti), e contrariamente ai DATI fondamentali, in deteri
  8. La coppia GBP/USD ha spinto al rialzo ieri ed è ora in prossimità della grande resistenza a 1,7043. EURUSDL’EUR/USD ha infranto al rialzo dopo il recente consolidamento tra 1.3780 (minimo 09/04/2014) e 1,3906 (massimo 11/04/2014), aprendo la stra
  9. Questa settimana la correlazione fra i rendimenti dei decennali USA e i prezzi dell’oro sul grafico orario ha raggiunto i massimi da mesi. Il dollaro USA prosegue il suo lento recupero dopo le pesanti vendite di ieri. Il motivo delle vendite di USD
  10. Sul fronte dati non ci sono situazioni particolarmente interessanti. Abbiamo avuto il PMI settore servizi manifatturieri, in rialzo nel previsto in EU.Sul fronte DATI non ci sono situazioni particolarmente interessanti. Abbiamo avuto il PMI settore s

Pagine