Forex News

  1. The US dollar came broadly in demand post-ADP release in New York yesterday. The US dollar came broadly in demand post-ADP release in New York yesterday. The ADP employment report surprised on the upside, the June report showed that the US economy ad
  2. La chiave di lettura che ci accompagna esattamente da una settimana ha dimostrato di essere fin’ora valida.La chiave di lettura che ci accompagna esattamente da una settimana ha dimostrato di essere fin’ora valida e, durante questi tre giorni di
  3. La settimana scorsa è terminata con scarsa volatilità, soprattutto nei cambi e bonds. Tutto si evolve come da aspettative.La settimana scorsa è terminata con scarsa VOLATILITà, soprattutto nei CAMBI e BONDS. Tutto si evolve come da aspettative, e
  4. Stando alle cifre sull’IPC pubblicate stanotte a Tokyo, i prezzi giapponesi sono cresciuti al ritmo maggiore dal 1982. Il Rapporto semestrale sulla Stabilità Finanziaria del Regno Unito ha evidenziato i rischi generati dall’elevato livello di mu
  5. A maggio l’inflazione giapponese ha rispettato le attese del mercato. L’IPC primario ha compiuto un’accelerazione del 3,6% rispetto al 3,4% del mese precedente.A maggio l’inflazione giapponese ha rispettato le attese del mercato. L’IPC prim
  6. Il motivo per cui analizziamo TRY e RUB nello stesso paragrafo è il recente sviluppo simile di rischio e tasso delle due valute. I deboli dati economici dagli Stati Uniti fanno aumentare la popolarità delle operazioni di carry-trade, perché si pre
  7. Giornata senza variazioni, volatilità sempre ai minimi (sul dollaro dal 2012), euro sempre stabile su dollaro. Giornata senza variazioni, VOLATILITà sempre ai minimi (sul dollaro dal 2012), EURO sempre stabile su DOLL. Dal fronte DATI economici nes
  8. In Cina, stando al sondaggio condotto da Westpack-MNI, a giugno il sentiment dei consumatori è peggiorato. Durante la seduta asiatica, i mercati valutari si sono mossi all’interno di fasce ristrette all’insegna di leggeri riposizionamenti. L’U
  9. Ancora in congestione l’euro con l’area di resistenza passante tra 1.3625 e 1.3640 ancora attuale sulla quale pensare a vendite.La volatilità non è certo mancata sul versante borse americane, a conferma dei nostri pensieri che vedono un allonta
  10. Nessun raggiungimento delle aree di resistenze curate ieri sull’euro e mercato che ha mostrato dei tentativi di partenza ribassista.La giornata di ieri non ci ha restituito nessuno spunto di riflessione particolare se non dei tentativi di discesa d

Pagine