Financial news

  1. Royal Dutch Shell ha chiuso il terzo trimestre con una perdita netta di 7,41 miliardi di dollari, contro un utile di 4,46 miliardi dell'anno precedente. A pesare sui conti il crollo del prezzo del petrolio e un onere da circa 8 miliardi nell'attivit
  2. Il prezzo del rame torna ai blocchi di partenza. Le quotazioni del rame sono tornate nelle ultime settimane in prossimita' dei livelli toccati nel giugno del 2009 a seguito dello scoppio della crisi finanziaria. Il rallentamento dell'economia cinese
  3. La pressione sulle commodities sembra essere facilitata sulla scia del supporto tecnico e delle migliori prospettive dei fondamentali. Anche se le importazioni in Cina sono diminuite del 17,7% rispetto lo scorso anno a settembre, la domanda per alcun
  4. Piazza Affari ha chiuso in rialzo supportata dalla buona vena del comparto finanziario che ha controbilanciato la debolezza del settore oil in scia alle forti vendite sul petrolio. La prima parte di seduta è stata caratterizzata dalla raffica di dat
  5. Moody's ha tagliato la view 2016 sul Brent da 57 a 53 dollari al barile e quella sul Wti, il petrolio di riferimento negli Stati Uniti, da 52 a 48 dollari. È quanto emerge dalla pubblicazione del report intitolato "Continued Oversupply Compounds Wea
  6. Saipem in rialzo nell'avvio di ottava a Piazza Affari: la società dei servizi alle compagnie petrolifere guadagna lo 0,36% e si porta a 8,34 euro mentre sull'Ice le quotazioni del petrolio indicano un calo dello 0,6% per il future sul Brent ($ 50,1
  7. Piazza Affari ha chiuso in ribasso la prima seduta della settimana. Seduta priva di dati macroeconomici significativi e con scambi ridotti a Wall Street per la festività del Columbus Day. Il listino milanese è stato vittima di prese di beneficio do
  8. Saipem resta sotto i riflettori a Piazza Affari dopo la brillante performance messa a segno la scorsa settimana in scia al recupero delle quotazioni del petrolio e ai nuovi contratti nel business E&C offshore per oltre 600 milioni di euro. Ma è il t
  9. Piazza Affari ha chiuso in ribasso interrompendo una striscia positiva che durava da tre sedute innescata venerdì dai deboli dati sul mercato del lavoro Usa che hanno accresciuto le ipotesi di un ulteriore rinvio da parte della Fed nel rialzare i ta
  10. L’aggiornamento settimanale relativo alle scorte di petrolio negli Stati Uniti evidenza un aumento superiore alle previsioni. Nella settimana terminata il 2 ottobre gli stoccaggi statunitensi sono saliti di 3,07 milioni di barili, al di sopra dei +

Pagine