Financial news

  1. I mercati asiatici non sfuggono alla tendenza negativa iniziata nella seduta di giovedì in Europa e innescata dagli stimoli annunciati dalla Banca centrale europea (Bce) che hanno deluso le aspettative sia in termini di tassi d'interesse (tagliati d
  2. L'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (Opec) si riunirà oggi a Vienna per decidere se tagliare o meno la produzione di greggio alla luce della caduta delle quotazioni (da metà 2014 ha perso oltre il 60%). La maggior parte degli analist
  3. Si prevede una partenza in moderato rialzo per Wall Street dopo il lungo weekend del Ringraziamento che ha sancito l'avvio degli acquisiti natalizi nel tradizionale Black Friday. Ora gli operatori si preparano all'appuntamento con le banche centrali:
  4. Il calo dei prezzi ha determinato afflussi legati alla ricerca di affari verso il petrolio e i metalli del gruppo del platino e ha messo alla prova la pazienza degli investitori verso l’oro e il rame.La continua debolezza dei prezzi del petroli
  5. Piazza Affari ha chiuso in deciso ribasso in scia all’acuirsi delle tensioni geopolitiche dopo la notizia dell’abbattimento di un caccia russo da parte della Turchia. Ankara ha dichiarato che il jet russo aveva violato lo spazio aereo turco, ment
  6. Ennesima seduta di forte vendite sul petrolio. Il Wti lascia sul parterre 3 punti percentuali a 40,60 dollari al barile, mentre il Brent mostra una flessione di circa 2 punti percentuali a 43,70 dollari. A Piazza Affari viaggiano in territorio negati
  7. Ancora leggermente divergenti le dinamiche del *Brent *e *WTI *sulla piattaforma dell'Ice: il future sul Brent "europeo" segna un lieve rialzo dello 0,271% e quello sul WTI statunitense un calo dello 0,313 per cento. Le prospettive rimangono comunque
  8. Seduta in crescendo per i listini statunitensi in attesa della pubblicazione, prevista per le 20 ora italiana, dei verbali dell'ultima riunione della Federal Reserve. A circa tre ore dalla chiusura degli scambi il Dow Jones sale dello 0,76%, lo S&P50
  9. Nella settimana al 13 novembre gli stock di petrolio statunitensi sono cresciuti di 252 mila barili, decisamente meno rispetto alle stime che erano di +1,16 mln. Gli stoccaggi di benzina sono saliti di 1,009 milioni di barili mentre quelli di distill
  10. I forti afflussi sugli ETP long sul greggio dimostrano l’orientamento in controtendenza degli investitori nel settore dell’energia. Sono cresciute comunque le scommesse su un ulteriore calo dei prezzi, il che indica la presenza di view di

Pagine