Forex News

  1. Carney è uno che la spara grossa e non è la prima volta che dice che rialzerà i tassi. L’antefatto è noto a tutti: crescono le pressioni inflazionistiche nel Regno Unito, ma la Bank of England, attraverso I propri esponenti di maggiore rilievo,
  2. Non vi è dubbio che il meeting del FOMC, le cui comunicazioni risalgono a poco più di una settimana fa, abbia rappresentato un evento di rottura rispetto a una certa linearità che i mercati conservavano da settimane (mesi in taluni casi), con il d
  3. La settimana si è conclusa con una fase di ulteriore assestamento, senza nuove motivazioni, in un mercato deluso dall’andamento dati USA, che frenano le aspettative di un imminente rialzo dei tassi. E della serie di DATI EU positivi, oltre le atte
  4. Il rimbalzo dell’euro è già agli sgoccioli? Dopo un paio di settimane di pausa il cambio euro/dollaro è pronto a riprendere la sua marcia ribassista? La chiave di volta dello scenario attuale sui mercati valutari sta tutta in queste domande e, o
  5. I mercati globali continuano a operare in modo instabile e sconnesso. I mercati azionari hanno avuto un andamento contrastato. Il principale indice azionario giapponese è sceso dell’1% dopo le deboli sedute in Europa e USA e il fragile dato sull
  6. Una svolta improvvisa nelle fortune del dollaro durante la notte ha visto la moneta scambiare ad un livello ampiamente superiore in Asia durante la giornata di oggi, anche se è ancora in pista per terminare in calo la seconda settimana di fila. D
  7. Quello che risulta chiaro in queste ultime settimane / mesi, è che le previsioni da parte delle banche centrali, dei protagonisti dei mercati finanziari, delle istituzioni, non sono state per nulla azzeccate. Si continua a vivere in un periodo di co
  8. Il trading sul forex segue un tipico trend di avversione al rischio dopo gli attacchi aerei dell’Arabia Saudita nello Yemen. Le tensioni in Medio Oriente hanno generato diffuse vendite sui mercati azionari, un considerevole deflusso di capitali dal
  9. Stanotte non è successo granché sui mercati dei cambi. A Tokyo, l’USD/JPY e i cross con lo JPY sono stati sonnolenti. La domanda di yen legata alla fine dell’anno fiscale, accompagnata dal calo dei rendimenti USA, continua a pesare sul compless
  10. La settimana si avvia verso la conclusione con un ultimatum chiaro alla Grecia che dovrà presentarsi davanti ai partner europei lunedì. Sono sempre più insistenti le voci che parlano di un’imminente uscita di Atene dall’euro, voci che sebbene

Pagine