Financial news

  1. Positivi gli indici di Wall Street che reagiscono positivamente alla pubblicazione di diverse trimestrali. Il Dow Jones Industrial Average in questo momento guadagna lo 0,18% , l'S&P 500 lo 0,59% e il Nasdaq Composite sale dello 0,83%.Sul versa
  2. Netflix ha chiuso la seduta di mercoledì in flessione del 2,23% ma, dopo aver presentato risultati trimestrali migliori delle attese, ha iniziato a guadagnare nel mercato esteso per arrivare a toccare un progresso del 12% in premarket, a poche ore d
  3. Il via libera del Parlamento greco alle misure di austerità richieste dai creditori del paese ellenico al fine di garantire un terzo pacchetto di salvataggio non scalda l'euro che prosegue il trend ribassista dettato principalmente dalle crescenti a
  4. Mercati azionari europei in leggero rialzo. Il Ftse Mib ha chiuso a -0,30%, il Ftse Italia All-Share a -0,39%, il Ftse Italia Mid Cap a -1,10%, il Ftse Italia Star a -0,65%.L'euro si indebolisce contro dollaro nel finale* attestandosi a 1,10
  5. La Borsa di Tokyo ha chiuso in rialzo, nonostante l'incertezza sul fronte Grecia. L'indice Nikkei ha terminato con un progresso dell'1,57% a 20089,77 punti, mentre il Topix ha incassato l'1,89% a 1612,60 punti. A sostenere gli scambi i guadagni di Wa
  6. Operatori ottimisti su una soluzione positiva della questione greca e quotazioni dell’oro piatte. Alla vigilia dell’ennesimo weekend decisivo per il destino di Atene, al Comex un’oncia d’oro passa di mano invariata a 1.159 dollari. Il saldo d
  7. Seduta in crescendo per l'euro sul forex cavalcando l'attesa di un accordo Grecia-creditori. Il cross tra euro e dollaro segna un rialzo di un punto e mezzo percentuale a quota 1,1205. A dettare il ritmo all'ascesa della divisa unica europea è il cr
  8. Apprezzamento dell'euro sul forex in attesa di conoscere il destino della Grecia. Il cross tra euro e dollaro segna un rialzo dello 0,7% a quota 1,1115. Ieri sera il governo greco ha presentato il proprio piano di riforme che, secondo il Guardian, pr
  9. La Federal Reserve dovrebbe avviare un aumento dei tassi di interesse soltanto di fronte "a chiari segnali sul piano dei salari e dell'inflazione, oltre che di fronte a una crescita economica sufficientemente forte". E' l'opinione del Fondo monetario
  10. Seduta particolarmente volatile per l’azionario milanese. La netta vittoria del “no” al referendum che si è tenuto ieri in Grecia ha fatto piombare Eurolandia in territorio inesplorato. Si naviga a vista e il primo appuntamento da monitorare

Pagine