Financial news

  1. I deboli riscontri da Cina e Zew pesato solo in parte sull’umore di Piazza Affari che ha recuperato buona parte dei ribassi nella seconda parte di seduta. L'indice Ftse Mib hacosì chiuso la seduta con una flessione dello 0,19% a 22.048 punti. I da
  2. I dati sui NFP negli Stati Uniti hanno sorprendentemente mancato le aspettative di 53mila posti facendo rivivere l'incertezza del mercato circa i tempi di un aumento dei tassi negli Stati Uniti. I dati relativi alla bilancia commerciale più de
  3. Netto miglioramento della bilancia commerciale cinese. A settembre il saldo della bilancia commerciale segna un valore positivo per 60,34 miliardi di dollari, in crescita dai 60,2 miliardi di agosto ma nettamente sopra i 48,2 miliardi stimati dagli a
  4. Dati in netto peggioramento per la bilancia commerciale tedesca. Ad agosto il saldo della bilancia commerciale segna un surplus pari a 15,3 miliardi di euro, in netto calo dai 25 miliardi del mese precedente e sotto i 19 miliardi stimati dal mercato.
  5. Avvio in moderato calo per Wall Street, dopo i recenti guadagni e in attesa che prenda il via la stagione delle trimestrali negli Stati Uniti. L'indice Dow Jones parte con un -0,13% in area 16755 punti, mentre l'S&P500 scivola dello 0,16% a 1983 punt
  6. La bilancia commerciale degli Stati Uniti ha evidenziato ad agosto un deficit di 48,33 miliardi di dollari, in aumento rispetto ai -41,81 miliardi del mese precedente (dato rivisto dal precedente -41,9 miliardi). Il disavanzo è peggiore delle attese
  7. Borse europee contrastate nel D-Day della Fed. A Londra il Ftse100 ha terminato in calo di oltre mezzo punto percentuale (-0,68%) a 6.186,99 punti, il Dax ha chiuso in parità (+0,02% a 10.229,58) e il Cac40 si è fermato a 4.655,14 punti, lo 0,2% in
  8. Borse europee prudenti nel D-Day della Fed. A Londra il Ftse100 segna un calo di un quarto di punto percentuale mentre Dax e Cac40 salgono dello 0,3%. In particolare evidenza l’Ibex, in aumento dell’1,3% grazie alle performance di un comparto ban
  9. Ottimi dati dalla bilancia commerciale italiana che nel mese di luglio segna un saldo positivo per 8,026 miliardi di euro dai 2,806 miliardi del mese precedente. Bene anche il dato limitato ai Paesi UE che sempre a luglio segnano un valore pari a 3,0
  10. Un avvio in rialzo per le principali Borse europee sostenute dalle performance di Wall Street e dal rally della piazza finanziaria giapponese che ha chiuso gli scambi in crescita di oltre il 7 per cento. In avvio di contrattazioni il Dax avanza del 2

Pagine