Tu sei qui

Tolta la pazienza, ma ridotte aspettative crescita e inflazione

Giovedì, 19 Marzo, 2015

Ieri, sul fronte dei dati economici abbiamo avuto un calo ulteriore dei prezzi immobiliari in Cina, il 6.o consecutivo, a confermare il rallentamento in atto. Dal GIAPP un deficit commerciale dimezzato, causato da crollo costi energia, con calo import, rallentamento export. Da SEK tagliati i tassi, in ulteriore territorio negativo, e commenti di misure e interventi a prevenzione. In ASIA in sentiment industriali è risultato stabile, con il peggiore SING, che subisce della debolezza glboale. Scorte USA di PETROLIO in ulteriore aumento, con offerta ampia, calo consumi, e volere politico di indebolire quotazioni, ora su minimo 6anni. Da EU crollo del surplus commerciale, confermato come dai dati delle singole nazioni, con export in difficoltà, import in calo. Calo delle vendite ingrosso in CAD, ben oltre attese. Da UK voto unanime per una politica monetaria invariata in UK, e commenti / presentazione budget Osborne, BoE, positivo, di aspettative ripresa marcata, inflazione stabile, con rischi da forza GBP per l’export/ripresa. Dalla GRECIA conferme di tensioni sempre alle stelle, rischio commissariamento / blocco conti, o controllo capitali, con Governo in cerca di liquidità. Risultato di aumento YIELDS, aumento marcato SPREAD periferici EU dopo settimane di pressione. TITOLI correttivi, eccetto CH, UK, URSS, con settore AUTO in pressione. ORO su minimi 4mesi, con liquidazioni di posizioni. Leggero calo AUD, NZD, da timori effetti FED-tassi-dollaro-calo commodity. Rafforzamento rinnovato del CHF/cross. Sul fronte GEOPOLITICO, si è aggiunta Tunisia, con disordini in FFKT GER, sede ECB, contro austerità. Tensioni quindi intatte e irrisolte, come la “guerra” sul fronte FISCO. E il DOLL cede dai suoi massimi, EURO riprende quota, come pure ORO, PETROLIO, CAD. e subito dopo i commenti YELLEN, che toglie la parola PAZIENZA, riducendo pure le previsioni di crescita (come sempre sostenuto, e anche confortato da tutti i dati recenti deludenti, e andamento globale), riduzione di aspettative di inflazione, e ottimismo su disoccupazione. Abbiamo avuto un balzo di EURO/DOLL nel previsto target, rafforzamento ampio ORO, COMMODITY, cedimento del CHF/cross, nella direzione delle indicazioni CHARTS recenti, e “bruciando” ampie posizioni. Recupero marcato borsa USA, da riduzione timore rialzo tassi. in sostanza, gli USA hanno una crescita “deludente” come dimostrato dai recenti dati, sotto le aspettative. Un debito che supera i doll 18,1trln, crescente, con tetto massimo in discussione, assenza taglio spese. Consumi in calo. E un DOLL che ha guadagnato oltre 20pc in 1 anno. Tutto questo porta freno e rischi all’export, in una economia globale in rallentamento/ recessione, un aumento dei costi finanziamento del debito, rallentamento della crescita. Rischio deflazione da calo prezzi da forza dollaro e calo commodities, cosa che la FED non vuole. 25 nazioni hanno tagliato i loro TASSI e ne faranno ulteriori, quindi USA unico verso rialzi, tassi fermi dal 2009. Questo ha spinto i mercati a fare mosse anticipatorie su futuro FED, senza guardare i fondamentali, i charts con i suoi segnali di ampi oversold / overbought. In sostanza, elevata VOLATILITà, ma con l’allontanamento delle aspettative di un rialzo tassi USA, beneficiari EMERGENTI, COMMODITY, LATAM, in particolare.

Giovedì, 19 Marzo, 2015
 

 

Copyright (c) 2009  Borse Pro. Tutti i diritti riservati.

Tassi

Tassi