La scorsa settimana è stata di fuoco per la volatilità, innescata dalla decisione della BNS-CH di non più sostenere la parità di 1.20euro.

La scorsa settimana è stata di fuoco per la volatilità, innescata dalla decisione della BNS-CH di non più sostenere la parità di 1.20euro, che durava oramai da oltre 3anni, e che era diventata “fuori-mercato”, viste le differenti direzioni di congiunture entro EU e CH. Questo ha creato come primo effetto violento, l’esercizio di ampissimi STOP – LOSS nei mercati, che hanno coinvolto in primis il CHF/EURO, e i TITOLI CH. Poi effetti collaterali, che hanno portato un aumento dei valori RIFUGIO, con un netto aumento dei timori generali, da GRECIA, prossime mosse ECB, andamento UKR-URSS e sanzioni in corso. Effetto che ha portato al rialzo ORO che ha recuperato su max4mesi, GBP, YEN, DOLL, e soprattutto NOK come sua alternativa. Su prospettive oramai consolidate del QE e acquisti titoli tossici entro euro 500-1.000bln da ECB, pressione su EURO, spinta al rialzo per TITOLI, BONDS, con i rendimenti ai record minimi, a zero o negativi. E la spinta agli INDICI alimentata pure dalla fase di allentamento e ulteriori misure di stimolo crescita in ASIA, vedi CINA, INDIA, SCOREA, GIAPP, SING, e pure da LATAM. E l’EURO, che prima era stato creato da Nazioni forti, di qualità, e ora “inquinato” dall’entrata di numerosi Stati ultra-indebitati, ha subito largamente, per arrivare al suo minimo da 11anni con DOLL. Due congiunture contrapposte, USA in fase di accelerazione crescita, e verso un rialzo TASSI 25bps a settembre. EU in decelerazione, con rischio deflazione e recessione, verso allentamenti monetari e svalutazione cambio. e ora anche il CHF ha raggiunto il suo minimo con il DOLL da 11anni. E nel frattempo, a causa della elevatissima volatilità nei mercati, 1 broker fallito e uno che perde in borsa 80pc della sua quotazione. GRECIA con 2 banche che chiedono liquidità in emergenza, da corsa al ritiro fondi dai correntisti. Le BANCHE in CH si vedono ridurre gli assets gestiti, svalutati dal cambio, e crollo titoli primari, come pure cassa PENSIONI, AVS, ASSICURAZIONI, settore LUSSO, OROLOGI, FONDI investimento. Giusto venerdì sera la BNS ha dichiarato che le perdite per le Casse Pensioni sono nell’ordine di 30bln. La BNS- RISERVE, sulla base dei dati forniti a fine settembre, di posizioni EURO, DOLL, CAD, GBP, avrebbe subito una svalutazione di 60bln, contro i 38bln dichiarati di utile per il 2014. I depositi in CHF presso la banca centrale pagano 1.50pc di commissione negativa, ma il cambio ha fatto +20pc in 2 giorni. RISCHI per il settore TURISMO, IMMOBILIARE, PMI e piccoli negozi, OCCUPAZIONE, DUMPING SALARI. VANTAGGI per calo prezzi, benzina, prodotti importati, VIAGGI all’estero. E ora si apre la SPECULAZIONE su due fronti, dove prima era solo da una parte, visto che l’altra era bloccata dalla BNS, in un mercato che vorrà vedere e trovare il prossimo punto di INTERVENTO. Sul fine settimana, meglio il PETROLIO, grazie ai commenti IEA. Prese profitto e poi nuovi rialzi su tensioni Grecia, per ORO, ARG BONDS, GBP, YEN, DOLL, ma soprattutto NOK. Mentre stranamente il CAD si è indebolito, e tornato al suo minimo da 5anni. Dai DATI economici, confermata inflazione in calo in EU, USA, mentre cala produz industriale Usa, sale oltre attese sentiment Michigan. Nulla che interessi molto ai mercati, visto che è altro che muove le quotazioni. in questa settimana sono previsti DATI EU con un certo miglioramento del PMI manifatturiero, ordini e vendite industriali in ITL, miglioramento fiducia in BEL, con calo/rallentamento ulteriore dei DATI USA e UK. Ma le date principali sono il 22 con la ECB, e il 25 con il voto GRECIA. e in concomitanza, dal 21 al 24, il forum DAVOS. Permane il rischio DEFAULT per UKRAINA, VENEZUELA.

Dati economici:

PETROLIO IEA prevede rialzo quotazioni nel 2015, Opec riduzione stime produz, Usa produz frena, previsto aumento domanda globale seppur leggera – FOREX Alpari chiude, come pure Global Broker NZ, FXCM titolo perde 86pc e riceve aiuti finanziari per doll 300mln – EU vendita auto 2014 +4.7pc. 1.o rialzo da 7anni, da Renault, VW, vendite Cina cpi dic -0.1 e -0.2anno, core +0.4 e +0.7anno – GER cpi 0.0 e 0.2anno. inflaz 0.10 e 0.10anno. vendita auto dic +6.7 da 6.8pc. RWE post accordo, +5.5pc. yield 10anni 0.3865pc – CH vendite dett +0.2 e -1.2anno. yield 10anni 0.0030. tassi obbligazioni cassa -15/25bps, 10anni a 0.50pc. turismo nov inv. Roche acq Thropos Francia per 500mln. Migros fatturato 2014 +2.0pc – UK vendita auto dic +8.7pc – FF budget nov -90.8bln da -84.7bln. Carrefour fatturato 4.trim rialzo prosegue robusto. 10anni 0.62pc – ESP bil comm -1.5bln -11.6pc. vendita auto dic +21pc. Crediti dubbi nov 12.75pc a 176.75bln. 10anni 1.58pc – GRECIA 2 banche chiedono liquidità urgente, banche borsa –7/9pc – AUSTRIA cpi dic +1.0 – ITL vendita auto dic +2.4pc. 132bps Spread, 10anni 1.70pc – CECO ppi dic -1.3 e -0.8anno, da +0.8pc – URSS Moodys prev crescita 2015 -5.5pc – CAD Repsol rinuncia progetto Canarie per doll 7,5bln – USA cpi dic -0.4 e +0.8anno. core 0.0 e +1.6pc anno. Prod.ind. -0.1, manifatt +0.3, utilizzo impianti 79.7 da 80.0. guadagni medi +0.2pc. Michigan genn sentiment 98.2 da 93.6. aspettative inflazione 2.4 da 2.8pc. TIC flusso capitali invest 33.5bln – CINA investimenti fissi 2014 +14.1pc a doll 102.9bln, prestiti a banche per doll 8bln per aumentare crediti privati e PMI – INDIA borsa max 1mese, rupia ampio rialzo, aspettative allentamento monetario – PERU tassi -25bps a 3.25pc, sol in calo marcato – SING export 2014 -0.7pc dopo il -6pc del 2013 – ARG cpi 1,0pc e sotto attese - MXN disocc dic 3.76 da 4.76pc – BRAS utilizzo impianti dic 80.9 da 80.6 – SCOREA Samsung sarebbe pronta ad acquisto Blackberry per doll 7,5bln, con tanti brevetti in grembo.

Lunedì, 19 Gennaio, 2015