Tu sei qui

Mercati in recupero in attesa della BCE

Sabato, 09 Aprile, 2016

Si è conclusa nella notte la partita del super Tuesday (super martedì ndr) delle primarie USA con una sostanziale vittoria dei due candidati di punta Donald Trump per i Repubblicani e Hillary Clinton, la ex first lady, per i Democratici.

Sul fronte mercati, invece, si consolida il recupero delle borse mondiali iniziato ieri in Europa con listini in forte positivo e proseguita poi negli Stati Uniti e in Asia.

In particolare le borse asiatiche hanno fatto registrare risultati importanti con Tokyo a +4.11%, Shanghai a +4.26% e Hong Kong a +3.07%. Sembra conclusa la fase di tracollo delle borse, anche se la calma attuale indica il pensiero dei mercati che sia la BCE di Draghi che la FED di Yellen manterranno accomodante la politica monetaria dei due principali istituti di credito centrali del mondo.

In particolare l’attenzione è concentrata su Mario Draghi che avrà il prossimo 10 Marzo l’ultima possibilità di incrementare la dimensione del bazooka vista l’assenza a rotazione di Weidmann, presidente della Bundesbank tedesca e principale oppositore del regime accomodante promosso dalla BCE.

Mentre oltreoceano, Janet Yellen, governatore della Federal Reserve, avrà l’arduo compito di conciliare un clima di ritrovato ottimismo non solo sui mercati, ma anche in termini di economia reale. Sicuramente i dati sull’occupazione in uscita oggi e venerdì con i non-farm payroll avranno un ruolo determinante nella pianificazione delle linee guida della FED, anche se difficilmente andranno a modificare l’attuale propensione a non intervenire al rialzo sui tassi nella prossima riunione del 17 Marzo.

Mercoledì, 02 Marzo, 2016
 

 

Copyright (c) 2009  Borse Pro. Tutti i diritti riservati.

Tassi

Tassi