Tu sei qui

Le valute legate alle materie prime sentono la tensione

Lunedì, 23 Novembre, 2015

Durante la seduta asiatica, le valute legate alle materie prime hanno subito un duro colpo, cancellando i guadagni precedenti. La divisa che ha fatto registrare l’andamento peggiore è il dollaro australiano, in calo dello 0,80% rispetto alla chiusura di venerdì, e intanto i prezzi del greggio continuano a scendere. Nonostante l’apertura in rialzo, il greggio WTI (West Texas Intermediate) ha ceduto il 2,85%, scendendo a 40,73 dollari a Tokyo, senza tuttavia riuscire a bucare il forte supporto intorno a 39-40 dollari al barile. Anche i metalli hanno subito forti pressioni a vendere, l’oro ha ceduto lo 0,65%, l’argento l’1,19% e il platino lo 0,50%, mentre il palladio è sceso sotto i 560 USD, in calo dell’1,10%. L’AUD/USD ha trovato un forte supporto a 0,7150 e ora passa di mano in lieve rialzo, intorno a 0,7170, perché il dollaro USA sta perdendo slancio. L’indice del dollaro testa la resistenza chiave a 100 (soglia psicologica e massimo 13 aprile).

Riteniamo che stia per concludersi il rally del dollaro, gli operatori stanno, infatti, finendo di scontare il rialzo del tasso a dicembre per opera della Federal Reserve. Le probabilità ricavate dal tasso sugli swap OIS sono salite al 64%, ciò significa che è possibile un decollo dei tassi prima di Natale. Crediamo, tuttavia, che la decisione finale della Fed dipenderà comunque dai dati e che un rilevamento solido del deflatore del PCE, in uscita mercoledì, ancorerebbe un restringimento della politica monetaria nel 2015. Sarebbe necessario anche un dato positivo sui redditi personali. Il mercato prevede che quest’ultimo a ottobre si attesterà allo 0,4% m/m (dato destagionalizzato), in rialzo rispetto allo 0,1% di settembre, mentre l’indicatore sull’inflazione preferito dalla Fed dovrebbe salire all’1,4% a dall’1,3% a del mese precedente.

Lunedì, 23 Novembre, 2015
 

 

Copyright (c) 2009  Borse Pro. Tutti i diritti riservati.

Tassi

Tassi