Tu sei qui

Il rapporto USA non riesce a fermare l’apprezzamento dello JPY

Domenica, 15 Maggio, 2016

All’apertura della nuova settimana di contrattazioni, la propensione al rischio in Asia è bassa, l’USD/JPY è sceso ai minimi da 18 mesi. La coppia è calata a 106,28 sulla scia dei dati economici; il PMI manifatturiero di aprile ha mostrato una flessione a 48,2 punti rispetto alla stima preliminare pari a 48,0 e al dato definitivo di marzo pari a 49,1 punti. In Asia, i mercati azionari regionali si sono mossi in territorio negativo, guidati dal brusco calo del Nikkei, sceso del 3,50%. I volumi di scambio sui mercati azionari sono stati comunque ridotti, perché Cina, Hong Kong e Singapore sono rimasti chiusi per la Festa del Lavoro. Di recente, il ministro delle Finanze giapponesi Taro Aso ha osservato che il recente apprezzamento dello yen riflette un incremento delle attività speculative e che il Giappone è pronto a reagire. La conferma della volontà di condurre interventi diretti sul forex arriva nonostante il rapporto semiannuale del Ministero del Tesoro al Congresso in cui si afferma che il Giappone (ma anche la Cina, la Corea del Sud, Taiwan e la Germania) utilizza la svalutazione competitiva per avere dei vantaggi nelle esportazioni. Nel rapporto si ricorda quanto sia importante che i paesi si attengano agli accordi del G7 e del G20 sulla politica dei tassi di cambio. Anche se gli interventi verbali dovrebbero far scendere l’USD/JPY a 105, sospettiamo che l’intervento sul forex sia un tentativo estremo, perché un approccio unilaterale per far salire in modo considerevole l’USD/JPY, senza una ripresa delle aspettative sul rialzo del tasso della Fed, sarebbe inutile.

Sui mercati forex, l’USD si è indebolito rispetto al G10 ed ha avuto un andamento contrastato contro le valute dei mercati emergenti asiatici, fornendo agli operatori pochi indizi sulla direzione che avrà questa settimana. Poiché la Fed ha segnalato due rialzi di 25 punti base nel 2016 e viste le aspettative di un rialzo del tasso a giugno, anche se noi ne prevediamo uno solo, non vediamo ragioni valide per un apprezzamento dell’USD nel breve termine. Questa settimana vari membri della Fed interverranno in pubblico, segnalando potenzialmente una svolta nelle prospettive per la riunione di giugno. Inoltre, i mercati dovrebbero assistere a un altro solido rapporto sulle buste paga, il dato NFP di aprile dovrebbe superare le 200 mila unità. Anche se i mercati ormai sono insensibili a dati positivi sul mercato occupazionale, un risultato solido dovrebbe far ripartire le voci sul mercato, che farebbero salire l’USD nel breve termine.

Lunedì, 02 Maggio, 2016
 

 

Copyright (c) 2009  Borse Pro. Tutti i diritti riservati.

Tassi

Tassi