Le immatricolazioni di nuove auto nell’Unione europea hanno continuato a recuperare nel mese di febbraio, dopo un buon inizio di anno, grazie ai rimbalzi significativi in ​​paesi che sono stati colpiti duramente dalla crisi economica.

Con la crescita economica che va verso la proiezione di crescenti segnali di ripresa, le immatricolazioni di nuove auto, un proxy per la vendita di auto, sono salite del 7,3% rispetto all’anno precedente arrivando a 924.440 veicoli. Mentre la regione ha registrato una crescita per il 18 ° mese consecutivo, il ritmo della ripresa è rallentato leggermente da gennaio.

Dall’inizio dell’anno, le vendite di auto nuove sono aumentate del 7% a 1,9 milioni di veicoli, con la maggior parte dei principali mercati che stanno contribuendo alla ripresa generale del mercato europeo. Il mercato automobilistico europeo è finalmente tornato in pista dopo un lungo periodo di siccità secondo Peter Fuss, partner di Ernst & Young. Fuss ha detto che la bassa inflazione, la debolezza del prezzo del petrolio e il calo della disoccupazione stanno incrementando il potere d’acquisto in Europa. Le vendite in Spagna sono aumentate del 27% a febbraio rispetto all’anno precedente, mentre l’Italia e il Regno Unito hanno registrato una crescita del 13% e del 12% rispettivamente. Portogallo e Irlanda hanno registrato una crescita a due cifre. In Germania, il mercato auto più grande dell’Europa, le vendite di auto nuove sono aumentate del 6,6% il mese scorso, mentre sono aumentate del 4,5% in Francia. La fiducia dei consumatori ha ravvivato nei mesi scorsi nella parte sud-est dell’Europa, le persone stanno vedendo la luce alla fine del tunnel.

Le vendite di auto europee, tuttavia, sono rimaste ben al di sotto dei livelli pre-crisi nella maggior parte dei mercati. Finora il 20% in meno delle vetture sono state vendute in Europa quest’anno rispetto al 2007, con le vendite in Germania e nel Regno Unito che sono più vicine o sopra ai livelli pre-crisi. Anche se i mercati delle auto in tutta l’Europa del Sud hanno guadagnato slancio, la situazione in Europa orientale è rimasta cupa, con le vendite diminuite del 2% con la spesa dei consumatori della regione che ha continuato a fermarsi a causa della crisi in Ucraina.

Tra i singoli marchi, quelli tedeschi hanno sovraperformato il mercato in maniera più ampia. I produttori di auto di lusso BMW AG e Daimler AG hanno registrato incrementi a doppia cifra del 17% e del 13%, rispettivamente, mentre la crescita delle vendite di Audi è rallentata del 2,9% nella regione. Le vendite di Volkswagen AG, il più grande produttore di auto in Europa con una quota di mercato del 12,4%, è aumentato del 13%, mentre Renault SA e Ford Motor Co. hanno registrato incrementi del 9,9% e 6,9%, rispettivamente. Opel è stata l’unica casa automobilistica a segnalare un calo delle vendite del 7,8% anno su anno a febbraio.

L'articolo Il mercato europeo delle auto incrementa le vendite sembra essere il primo su MondoForex.

Giovedì, 19 Marzo, 2015