Le divergenze aumentano, e i dati fondamentali divergono sempre di piu’ dai livelli attuali di cambio.

Giornata ulteriore di tranquillità, senza DATI particolari, eccetto ZEW Germania, sul sentimento economia e aspettative, e assenza di dati dagli USA. Il dato GER è risultato in calo a sorpresa, ma non ha sortito effetto alcuno, anche perché la situazione attuale è migliore delle previsioni. In UK mutui invariati, rialzo della produzione industriale, vendite dettaglio, prezzi, con calo export e nuovi ordini. Dalla ESP ottima domanda per le aste di brevissimo. Da ITL confermato un ulteriore ampio rialzo dei crediti dubbi, esposizioni delle banche (dopo quelli di ESP). Importante, come fattore stabilizzante globale, dalla CINA la sua banca centrale ha effettuato una ampia immissione di liquidità, onde calmierare il rialzo di YIELDS, che erano ai massimi livelli. Soprattutto con commenti, dimostrando il cambio di politica, con un approccio di maggiore trasparenza e comunicazione ai mercati. Dalla TURK serie ulteriore di negatività, con taglio previsioni di crescita, e tassi invariati per il mancato rientro nel target dell’inflazione, a causa del calo lira, e calo introiti fiscali. Sul fronte UTILI societari prosegue il trimestre positivo, seppur con qualche eccezione. Questo ha portato nuovo sostegno agli INDICI, confortati dal miglioramento delle aspettative generali, e senza problemi imminenti sconosciuti. Come risultato, DOLL sempre domandato, a scapito dell’EURO e YEN, CHF in calo, ORO in resistenza confermata, con leggera fase correttiva. RAND in oversold massimo da 11 anni, e pronto per una ripresa, almeno tecnica. EMERGENTI sempre negativi, con TURK, THAI i peggiori. INDIA rupia debole, dalle divisioni politiche interne che offuscano economia. Meglio ANGLO, spinti anche dalla forza GBP. PETROLIO in rialzo, vicino a prime resistenze di fascia medio termine. Per EBRD aumentano i rischi di DEFLAZIONE in centro e sud-est EU, e la ripresa in EST-EU ha ostacoli. Nulla di nuovo. Quindi la POLITICA (monetaria, interventi verbali e diretti, ratings, governi stabilità) domina sui FONDAMENTALI (conosciuti e negletti, e comunque migliori delle aspettative). E intanto, le DIVERGENZE aumentano, e i DATI fondamentali divergono sempre di piu’ dai livelli attuali di CAMBIO. il 2014 sarà l’anno del DOLLARO (oltre che GBP), con occhio a CINA, EMERGENTI, YIELDS. E per la prossima settimana, DAVOS con il suo World Economic Forum. Il tutto con il “sentiment” degli investitori al suo massimo da 5anni, e la VOLATILITà ai suoi minimi.

Dati Economici:

IMF rialza prospettive globali, da accelerazione paesi avanzati - EU repo 0.3020. prezzi immobiliari 3trim +0.6 e -1.3anno. ECB, preoccupata per la situazione politica in TURK – CH Novartis -500 dipendenti. Immobiliare rischio bolla/correzione in rialzo, livello prezzi attuali come bolla precedente del 1989. Yield 10anni 1.11pc – GER ZEW dic 61.7 da 62.0, situazione attuale 41.2 da 32.4. fiducia eco 73.3 da 68.3 – UK mutui dic -17 inv, CBI prod ind genn +23 da +16, ordini -2 da +12, export -16 da +11, prezzi +20 da +11. Ottimismo ind +21 da +24, previsioni export +8 da +9 – FF RemyCointreau post dati vendite, -4.5pc. Renault venite 2013 +3.1pc da Dacia – ITL btp/bund 208. Yield 10anni 3.81pc. Passeggeri alitalia 2013 +3.4pc. Biancamano ristruttura debito, +17pc. Fiat +2.7, Finmeccanica +5.5pc. crediti dubbi nov euro 149.6bln +20.5pc anno, massimo 14anni – ESP emissioni 6 e 12mesi domanda robusta, yields in calo – Alstom -12pc post taglio targets – HFL fid.cons genn -12 da -17, prezzi immob dic -3.7 e -6.4pc anno – TURK EBRD taglia prev crescita, tassi inv 7.75pc. cpi sopra 5pc target da volatilità lira e introiti fiscali – POL prod.ind.dic +6.6anno da +2.9. ppi -0.9 da -1.5pc – USA Lenovo in discussione per acqu settore server di IBM. Intel -5000 persone. Halliburton utili +19pc. Alcoa +6pc. Johnson&Johnson vendite +4.5pc – CINA +255bln liquidità (doll 42bln), timori credit crunch in calo – SRI LANKA tassi appropriati per i prossimi mesi.

Mercoledì, 22 Gennaio, 2014