Tu sei qui

AUD in rialzo dopo l’inaspettato mancato intervento RBA

Martedì, 03 Marzo, 2015

A sorpresa, la RBA ha mantenuto invariato il tasso obiettivo al 2,25%, affermando che un allentamento della politica potrebbe rivelarsi adeguato in futuro e che la svalutazione dell’AUD dovrebbe contribuire a bilanciare la crescita (ritenuta inferiore al trend). La bilancia delle partite correnti australiana si è contratta più rapidamente del previsto, attestandosi a -9,6 mld di AUD dai -12,1 mld (dato rivisto) del quarto trimestre. La RBA mira evidentemente a tenersi un margine di manovra per interventi futuri, monitora attentamente l’inflazione, il settore immobiliare e i prezzi delle materie prime. Il mancato intervento della RBA è sicuramente una “mossa” strategica, che mira a iniettare l’incertezza necessaria sui mercati monetari australiani per fare in modo che gli imprenditori non aspettino tassi più bassi per incrementare le loro attività. Dopo l’annuncio, l’AUD/USD è lievitato a 0,7842 (appena sotto il massimo segnato ieri a 0,7845). Anche se gli indicatori tendenziali di breve termine continuano a puntare al rialzo, si prevedono forti offerte a 0,7955/0,8000 (media mobile a 50 giorni / massimo del canale di trend ribassista da ottobre 2014 a febbraio 2015 ed esercizio delle opzioni). Il nostro obiettivo di medio termine rimane invariato a 75 centesimi per USD.

Alla fine di febbraio, la base monetaria giapponese è salita a 278,9 mila miliardi di yen. L’USD/JPY e i cross con lo JPY hanno avuto un andamento contrastato. L’USD/JPY è stato frenato da offerte a 120+, dopo che il consulente del primo ministro Honda ha detto che la BoJ non dovrebbe surriscaldare l’economia. Il rialzo dell’AUD/JPY in scia all’annuncio della RBA ha contribuito a mantenere supportato l’USD/JPY sopra 119,57. Si prevede una solida resistenza chiave di breve termine a 120,47/48 (doppio massimo 11-12 febbraio).

Martedì, 03 Marzo, 2015
 

 

Copyright (c) 2009  Borse Pro. Tutti i diritti riservati.

Tassi

Tassi