La Swiss National Bank (SNB) ha dimezzato le previsioni di crescita per il 2015, ma l'impatto negativo del balzo del franco svizzero post abbandono del floor a 1,20 con l'euro potrebbe essere ancora più vigoroso. "Considerando la debolezza in Europa, una crescita pari quasi all’1% sembra quasi ottimista - sottolinea Ipek Ozkardeskaya, Market Analyst di Swissquote - . Aumentano le probabilità che, nella prima metà del 2015, la crescita svizzera entri in territorio negativo, poiché l’economia avrà bisogno di almeno due trimestri per assorbire lo shock, e stabilizzarsi, dopo la rimozione della soglia per l’EUR/CHF. La ripresa dal terzo trimestre è soggetta a rischi al ribasso, legati al ritmo della ripresa dell’attività economica nell’Eurozona".
La SNB stima una crescita poco sotto l'1% nel 2015 rispetto al +2% stimato lo scorso dicembre con una marcata debolezza economica nella prima metà dell'anno.

Giovedì, 19 Marzo, 2015
Tags: