Tu sei qui

Il prezzo del rame torna ai blocchi di partenza

Mercoledì, 28 Ottobre, 2015

Il prezzo del rame torna ai blocchi di partenza. Le quotazioni del rame sono tornate nelle ultime settimane in prossimita' dei livelli toccati nel giugno del 2009 a seguito dello scoppio della crisi finanziaria. Il rallentamento dell'economia cinese ha pesato sulla domanda di rame, un metallo molto utilizzato sia nell'industria automobilistica sia nelle costruzioni. Le maggiori case di investimento producono studi secondo i quali il ribasso potrebbe non essere ancora terminato: per Goldman Sachs ad esempio i prezzi scenderanno verso i 4800 dollari per tonnellata nel 2015 (hanno gia' toccato un minimo il 28 agosto a 4855 dollari) per poi assestarsi in area 4500 dollari il prossimo anno.

L'andamento delle quotazioni dell'oro rosso viene considerato un buon anticipatore delle condizioni dell'economia globale e dovrebbe quindi essere seguita da tutti gli investitori con interesse, non solo da quelli che si muovono sui mercati delle materie prime ma anche delle azioni. Se da un lato infatti e' vero che le politiche estremamente accomodanti adottate dalle principali banche centrali hanno permesso ad azioni e bond di salire in modo relativamente indipendente dall'economia reale, dall'altro e' evidente che una crisi prolungata della situazione globale finirebbe per pesare sui conti delle aziende e quindi anche sulle valutazioni di borsa.

Ad arretrare non e' solo il rame, il ferro ad esempio e' piu' basso del 70% rispetto ai prezzi del 2010, il petrolio e' sceso del 60% in un anno o poco piu'. Uno sguardo all'andamento del grafico di Glencore, leader nel settore delle commodity, vale piu' di molti trattati: il titolo quotato alla borsa di Londra valeva quasi 380 pence a luglio del 2014 ed e' sceso fino a quota 66,67 pence a fine settembre 2015, un ribasso dell'83% circa. Nelle ultime settimane tuttavia le quotazioni di Glencore hanno tentato una reazione, cosi' come quelle del rame.

Mercoledì, 28 Ottobre, 2015
 

 

Copyright (c) 2009  Borse Pro. Tutti i diritti riservati.

Tassi

Tassi