Tu sei qui

Gli investitori guardano all’oro prima che i prezzi aumentino

Martedì, 03 Novembre, 2015

La linea “dura” emersa dalle dichiarazioni che sono seguite al meeting del FOMC hanno determinato un temporaneo rialzo del dollaro (DXY), cancellando i guadagni in molte commodities. I deflatori PCE e i contenuti aumenti nei salari hanno comunque smorzato una pressione rialzista sul dollaro americano entro la fine della settimana ed eliminato qualsiasi sorpresa, le commodities dovrebbero riuscire a scambiare sui loro fondamentali. La settimana è iniziata con la diffusione dei dati (migliori del previsto) relativi all’indice PMI manifatturiero Caixin sulla Cina e a quello dell’area Euro, e il mercato attende una lettura dell’Ism USA superiore a 50, che potrebbe fornire un stimolo ciclico al sentiment del mercato delle commodities.

Gli afflussi sugli ETP sul WTI raggiungono il massimo in sette mesi. Il WTI è cresciuto del 6.3% mercoledì, dopo un aumento delle scorte inferiore alle attese la scorsa settimana. Nel periodo precedente all’annuncio, gli investitori si sono rivolti agli ETP lunghi sul WTI (per un totale di oltre 86.2 milioni di dollari americani fra venerdì e mercoledì), prima di trarre profitto dalla notizia, lasciando gli afflussi netti per la settimana a 66.4 milioni di dollari americani, il livello più alto da marzo 2015. Molti investitori hanno ritenuto correttamente che l’incremento eccessivo delle scorte registrato la settimana precedente non si sarebbe ripetuto. Il numero delle trivelle negli Stati Uniti infatti è in calo da 9 settimane consecutive e attualmente è del 63% inferiore ai livelli dell’anno scorso. Nel settore sono stati annunciati tagli al CAPEX per oltre 200 miliardi di dollari americani e l’effetto dei progetti fermati impatterà presto sulle forniture globali di petrolio e ne limiterà l’eccesso. Nel frattempo, con l’attività dell’OPEC vicina alla capacità, il ruolo tradizionale del cartello – accrescere la produzione in tempi di interruzione altrove – sarà compromesso, aumentando il rischio di shock dei prezzi sul mercato petrolifero.

Martedì, 03 Novembre, 2015
 

 

Copyright (c) 2009  Borse Pro. Tutti i diritti riservati.

Tassi

Tassi