Seconda seduta consecutiva priva di spunti grafici interessanti per l'indice Ftse Mib quella di mercoledi', disegnata, come del resto la precedente, tutta all'interno dell'estesa giornata di lunedi', avente come limiti i 17780 ed i 18222 punti (ieri i prezzi si sono mossi tra 17949 e 18160).

Seconda seduta consecutiva priva di spunti grafici interessanti per l'indice Ftse Mib quella di mercoledi', disegnata, come del resto la precedente, tutta all'interno dell'estesa giornata di lunedi', avente come limiti i 17780 ed i 18222 punti (ieri i prezzi si sono mossi tra 17949 e 18160). La evidente indecisione del mercato era in buona parte dovuta a fattori esogeni, in particolare alle attese sui tempi ed entita' di eventuali modifiche al programma di alleggerimento quantitativo della Fed. La situazione si e' chiarita a mercato domestico ormai chiuso, con le notizie da oltre oceano che lasciano intravedere l'avvio di una riduzione degli acquisti di bond limitata (da 85 a 75 miliardi di dollari mensili) a partire da gennaio, un cambiamento che almeno in prima battuta e' apparso gradito ai mercati: i principali indici Usa sono saliti con forza, Dow Jones e S&P500 su nuovi record storici. Segnali di forza analoghi verrebbero da parte del Ftse Mib in caso di superamento di 18222, con i prezzi che in quel caso potrebbero puntare al test di 18370, top del 10 dicembre e lato superiore della fase laterale con base in area 17750 disegnata dal minimo del 6 dicembre. Oltre 18370 tale fase laterale si dimostrerebbe un "doppio minimo", figura dalle implicazioni rialziste che lascerebbe spazio a movimenti nell'ordine dei 700 punti almeno, quindi con target in area 19100. Resistenza intermedia a 18780, media mobile a 50 giorni. La mancata rottura di 18222 o di 18370 e la violazione di 17930 porterebbero ad un nuovo test del supporto critico dei 17750 punti, dove si colloca il 38,2% di ritracciamento del rialzo dai minimi di giugno. In caso di violazione di area 17750 probabile un affondo almeno fino a 17200, area di minimi a fine settembre e 50% di ritracciamento del rialzo dai minimi di giugno.

(AM)

Giovedì, 19 Dicembre, 2013
Tags: