Si conferma debole l'euro in avvio di giornata con quotazioni nei pressi dei minimi a due mesi contro il dollaro USA. Gli investitori rimangono ancora cauti dopo la conclusione dell'accordo per il terzo piano di salvataggio per la Grecia, con riflettori rivolti oltreoceano sull'aumentare delle probabilità dell'arrivo del primo rilazo dei tassi da parte della Fed. Il cross euro/dollaro ha toccato questa mattina un minimo a 1,082, livello più basso dallo scorso 17 maggio, per poi risalire in area 1,084.

Lunedì, 20 Luglio, 2015