Tu sei qui

Eni e Saipem cedono alle vendite sui titoli del petrolio

Venerdì, 20 Novembre, 2015

Ancora leggermente divergenti le dinamiche del *Brent *e *WTI *sulla piattaforma dell'Ice: il future sul Brent "europeo" segna un lieve rialzo dello 0,271% e quello sul WTI statunitense un calo dello 0,313 per cento. Le prospettive rimangono comunque di prezzi bassi per il petrolio per un lungo periodo con conseguenze sull'economia globale che vanno in tutte le direzione dalle politiche monetarie in Europa e negli Stati Uniti, a duri impatti sui bilanci statali di alcune economie emergenti, alla ristrutturazione dell'industria mondiale del petrolio.

Un articolo di Bloomberg evidenzia una divergenza tra l'andamento delle azioni delle compagnie petrolifere europee e i prezzi del Brent. In altri termini i tagli dei costi sopportati in Europa dal comparto avrebbero incoraggiato gli investitori a comprare le azioni delle oil company del Vecchio Continente nonostante il calo dei prezzi del petrolio.

In effetti l'industria globale ha tagliato qualcosa come 180 miliardi di dollari di investimenti quest'anno generando anche una serie di conseguenze sui fornitori e sull'assetto del mercato in generale.

Cessioni per miliardi di euro sono in cantiere per BP (-0,97% in queste ore) e Repsol (-1,35%) per esempio.
Total (-0,23%), per esempio, ha tagliato gli investimenti previsti per il 2016 da 23-24 miliardi di dollari a 20-21 miliardi.

Eni (-0,54%) ha completato stamane la cessione del 4% della portoghese Galp *per 325 milioni di euro, sta per vendere il 12,5% di *Saipem *al Fondo Strategico Italiano della CDP per deconsolidarne il debito e venderà verosimilmente il prossimo gennaio il residuo 8,53% di *Snam (già a servizio di un bond convertibile).

In queste ore a Piazza Affari comunque perde quota anche la stessa Saipem (-1,11%) subendo la cattiva intonazione. Per il gruppo è previsto un aumento di capitale da 3-3,5 miliardi di euro, ossia una cifra prossima a quanto vale oggi la società a Piazza Affari.

Venerdì, 20 Novembre, 2015
 

 

Copyright (c) 2009  Borse Pro. Tutti i diritti riservati.

Tassi

Tassi