Tu sei qui

Borsa italiana: Ftse Mib +0,17%. Brillano FCA e Saras, arretrano Ferragamo e Banco Popolare

Martedì, 24 Marzo, 2015

Il Ftse Mib segna +0,17%, il Ftse Italia All-Share +0,22%, il Ftse Italia Mid Cap +0,54%, il Ftse Italia Star +0,30%.

Mercati azionari europei poco sopra la parità. Ieri sera a Wall Street l'S&P 500 ha terminato a -0,17%, il Nasdaq Composite a -0,31%, il Dow Jones Industrial a -0,06%. I future sui principali indici USA al momento sono in rialzo dello 0,1-0,2 per cento circa. A Tokyo il Nikkei 225 ha chiuso a -0,21%, a Hong Kong l'Hang Seng a -0,39%, a Shanghai il CSI 300 a +0,02%.

  • Ottima performance per FCA (+2,4%)* che annulla con gli interessi le perdite di ieri. L'indice EURO STOXX Automobiles & Parts è in leggero rialzo (+0,5% circa) dopo il quasi -3% della seduta precedente. In rialzo anche Brembo (+2,3%) e Sogefi (+1,5%). Sale ancora Pirelli (+0,5%).

  • Unicredit (+0,4% a 6,30 euro) in leggero rialzo.* Secondo indiscrezioni di stampa il principale azionista, il fondo Aabar Investments (Abu Dhabi), sta per lanciare un bond convertibile in azioni di Piazza Cordusio da 2 miliardi di euro. Banca Akros ha alzato il target di Unicredit da 6,30 a 6,60 euro, ma ha peggiorato la raccomandazione da BUY a HOLD.

  • In verde Banca MPS (+0,3%) su varie indiscrezioni *riportate dalla stampa: si spazia dalla ricerca del successore del presidente Alessandro Profumo, che lascerà dopo l'aumento di capitale, al tema del riassetto della rete commerciale. L'azionista Alessandro Falciani (1,7% del capitale) ha dichiarato a Repubblica che per una eventuale fusione potrebbero essere in lizza sia soggetti italiani che stranieri.

  • Non si ferma il rally di Saras (+4,2% a 1,42 euro)* che, dopo aver superato le resistenze strategiche a 1,30/1,32 euro si dirige verso i primi target a 1,50 almeno, con obiettivi successivi a 1,60 e 1,80.

Martedì, 24 Marzo, 2015
 

 

Copyright (c) 2009  Borse Pro. Tutti i diritti riservati.

Tassi

Tassi