Interessanti le cifre macroeconomiche pubblicate in giornata.

Interessanti le cifre macroeconomiche pubblicate in giornata.

In Germania l'Ufficio di Statistica Destatis ha comunicato che l'Indice dei Prezzi all'Ingrosso (Wholesale Price Index) nel mese di maggio e' diminuito dello 0,1% su base mensile, migliorando le stime degli addetti ai lavori che si aspettavano un decremento pari allo 0,3% m/m. Su base annuale il WPI e'sceso dello 0,9%, dal -1,3% della rilevazione precedente.

L'INSEE ha reso noto che in Francia l'indice dei Prezzi al Consumo e' rimasto invariato a maggio, peggiorando le attese degli analisti fissate su un incremento dello 0,1% ma risultando in linea con la rilevazione precedente. Rispetto ad un anno fa l'indice e' cresciuto dello 0,8%, in linea con la
rilevazione precedente.

Nel Bollettino mensile di giugno la Bce ricorda che nel perseguimento del mandato di preservare la stabilità dei prezzi, il Consiglio direttivo ha deciso, nella riunione del 5 giugno, una combinazione di misure intese a realizzare un ulteriore allentamento della politica monetaria e a sostenere il processo di erogazione del credito all'economia reale. Il pacchetto include nuove riduzioni dei tassi di interesse di riferimento della BCE, operazioni mirate di rifinanziamento a più lungo termine.Le aspettative di inflazione a medio-lungo termine per l'area dell'euro restano saldamente ancorate in linea con l'obiettivo del Consiglio direttivo di mantenere i tassi di inflazione su livelli inferiori ma prossimi al 2 per cento. In prospettiva, esso è fermamente determinato a salvaguardare l'ancoraggio di tali aspettative. Per quanto riguarda le sue indicazioni prospettiche (forward guidance), i tassi di interesse di riferimento della BCE si attesteranno sui livelli correnti per un prolungato periodo di tempo, in considerazione delle attuali prospettive di inflazione. Per quanto riguarda l'analisi economica, nel primo trimestre dell'anno il PIL in termini reali dell'area dell'euro è aumentato dello 0,2 per cento sul periodo precedente, confermando una graduale ripresa, seppur inferiore alle attese. La Bce aggiunge infine che i mercati del lavoro mostra segnali di miglioramento, ma la disoccupazione resta elevata nell'area dell'euro.

Eurostat ha reso noto che nel mese di aprile la produzione industriale della Zona Euro e' cresciuta dello 0,8% rispetto a marzo, risultando migliore del previsto. Gli analisti avevano stimato un incremento dello 0,4%. Su base annuale la produzione industriale ha registrato una crescita dell'1,4% superiore alle attese (+0,9%).

Cresce nel primo trimestre 2014 il tasso di disoccupazione greco. La disoccupazione nel paese ellenico si e' attestata al 27,8%, in aumento rispetto alla rilevazione precedente pari al 27,5%.

Aste in Europa:
- Il Tesoro ha collocato BTP con scadenza nel maggio 2017 (isin IT0005023459) per 3,500 mld di euro. Il rendimento si è attestato allo 0,89%, in calo di 18 punti base dall'asta di metà maggio, e bid to cover pari a 1,63. Sono stati inoltre assegnati 4,000 mld di euro in BTP dicembre 2021 (isin IT0005028003). Il rendimento medio si è attestato al 2,12%. La domanda ha superato l'offerta di 1,42 volte. Infine sono stati collocati BTP 2044 per 1,000 mld di euro (isin IT0004923998) contro richieste pari a 1,385 mld. Il rendimento medio è sceso al 4,05% dal 4,27% dell'asta precedente. Il Bid to cover è risultato pari a 1,39.

Diminuiscono i depositi overnight presso la Bce. Ieri sera gli istituti di credito hanno allocato 13.587 milioni di euro rispetto ai precedenti 39.015 milioni. Calano anche i prestiti marginali passati da 16 milioni a 8 milioni di euro.

Spread BTP/Bund a 153 punti base. Il rendimento dei titoli di Stato italiani a 10 anni si attesta al 2,93%.

Positivi i principali titoli di Stato tedeschi. Il Bund future sale a 145,30 punti (+0,19%) ed il Bobl future si attesta a 127,78 punti (+0,13%).

(CC)

Giovedì, 12 Giugno, 2014
Tags: