Tu sei qui

Atlantia in rialzo dopo i dati e in vista di un accordo su Fiumicino

Lunedì, 11 Maggio, 2015

Guadagna l'1,19%, a fronte di un mercato azionario sottotono, il titolo di Atlantia. Le azioni della società che controlla Autostrade per l'Italia *e il gestore di Fiumicino *Adr *passano dunque di mano a 23,9 euro dopo la pubblicazione dei risultati del *primo trimestre.
Il gruppo ha chiuso il periodo con ricavi con ricavi in crescita del 2% a 1,13 miliardi di euro e ha registrato nei tre mesi una crescita dello 0,9% del traffico autostradale italiano e un incremento del 9,1% del traffico passeggeri di Aeroporti di Roma. Il margine operativo lordo è passato da 680 a 686 milioni e il risultato operativo da 417 a 413 milioni di euro. L'utile netto ha mostrato un forte calo da 124 a 32 milioni di euro sul quale hanno pesato le operazioni di riacquisto di bond di Atlantia e Adr (su base omogenea si sarebbe registrata una crescita di 38 mln). Gli investimenti del gruppo sono passati da 186 a 294 milioni di euro e il cash flow operativo è cresciuto del 4% a 358 milioni di euro. A fine marzo il debito finanziario netto della compagnia ammontava a 10,07 miliardi di euro circa con un calo di 455 milioni sul dato di fine 2014.

In un'intervista a Corriere Economia (inserto settimanale de Il Corriere della Sera) l'amministratore delegato Giovanni Castellucci ha dichiarato che a breve un numero ristretto di fondi esaminerà i conti di *Adr *per un eventuale ingresso nel capitale. In caso di accordo entro luglio potrebbe quindi passare di mano il 30% del capitale della società. "L'ingresso di Adia di Abu Dhabi sarebbe un valore – ha aggiunto il manager – come Etihad lo è stato per Alitalia". All'orizzonte ci sarebbero anche la gara per la privatizzazione dell'aeroporto di Nizza (il suo 100% potrebbe valere fino a 1,6 miliardi di euro) e un bond da 1,5 miliardi di euro emesso da Autostrade per l'Italia.

Lunedì, 11 Maggio, 2015
 

 

Copyright (c) 2009  Borse Pro. Tutti i diritti riservati.

Tassi

Tassi