Crisi Alitalia, vertice a Palazzo Chigi

Enrico Letta incontra i vertici della compagnia
L’Ugl: «Devono convocare i sindacati»

Vertice a Palazzo Chigi sulla partita Alitalia. Il premier Enrico Letta e alcuni ministri hanno affrontato il dossier della crisi della compagnia insieme ai vertici Alitalia, i rappresentanti di Aeroporti di Roma, delle banche finanziatrici (Unicredit e Intesa) e di altre società a vario titolo interessate come Sace, Atlantia, Eni. Alitalia, rappresentata dal presidente Roberto Colaninno e dall’ad Gabriele Del Torchio, sta cercando di ottenere da parte dei fornitori come Eni e Adr maggiore flessibilità per onorare i debiti. Richiesta che a quanto pare non è stata accolta. Maggiore flessibilità pare invece sia stata trovata tra le banche creditrici.

L’incontro, che è stato aggiornato a una nuova riunione nel pomeriggio, è comunque il segnale che il governo, nonostante la difficile situazione politica, è impegnato nella difesa attiva di un asset del Paese. L’obiettivo sarebbe quello di poter fornire una riposta “di sistema”. Si vuole evitare, in particolare, una svendita ad Air France e scongiurare l’ipotesi che l’ex compagnia di bandiera possa diventare solo una divisione regional di quella francese. Il progetto cui si sta lavorando prevederebbe il coinvolgimento di Air France, azionista al 25% di Alitalia, ma tutelando gli interessi strategici del Paese.

Martedì, 01 Ottobre, 2013