In data odierna Acea ha completato con successo il collocamento di un'emissione obbligazionaria per un importo complessivo di 600 milioni di Euro della durata di 10 anni e tasso fisso, a valere sul programma Euro Medium Term Notes (EMTN) da 1,5 miliardi di Euro deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 10 marzo 2014 e assistito dai co-arranger: Banca IMI, BNP Paribas e UniCredit Bank.

In data odierna Acea ha completato con successo il collocamento di un'emissione obbligazionaria per un importo complessivo di 600 milioni di Euro della durata di 10 anni e tasso fisso, a valere sul programma Euro Medium Term Notes (EMTN) da 1,5 miliardi di Euro deliberato dal Consiglio di Amministrazione in data 10 marzo 2014 e assistito dai co-arranger: Banca IMI, BNP Paribas e UniCredit Bank.

L'emissione è finalizzata al rifinanziamento di alcuni bond e prestiti in scadenza, in un'ottica di riduzione degli oneri finanziari e di allungamento della durata media del debito. Il prestito obbligazionario è destinato esclusivamente a investitori istituzionali dell'Euromercato.

Le obbligazioni, che hanno un taglio unitario minimo di 100.000 euro e scadono il 15 luglio 2024, pagano una cedola lorda annua pari al 2,625% e sono state collocate a un prezzo di emissione pari a 99,195%. Il tasso di rendimento lordo effettivo a scadenza è pari a 2,718%, corrispondente ad un rendimento di 128 punti base sopra il tasso midswap a 10 anni. Le obbligazioni sono disciplinate dalla legge inglese.

La data di regolamento è stata fissata per il 15 luglio 2014. Da tale data le obbligazioni saranno quotate presso il mercato regolamentato della borsa del Lussemburgo, dove è stato depositato il prospetto informativo. L'operazione di collocamento è stata curata da Banca IMI, BNP Paribas, Crédit Agricole Corporate and Investment Bank, Mediobanca e UniCredit Bank in qualità di Joint Lead Managers. Acea è stata assistita dallo Studio Legale Chiomenti mentre i Joint Lead Managers sono stati assistiti dallo Studio Legale Clifford Chance. E' previsto che Standard & Poor's, Fitch Ratings e Moody's attribuiscano all'emissione un rating rispettivamente pari a BBB-, BBB+ e Baa2 tutte con outlook ''stable''.

(GD)

Martedì, 08 Luglio, 2014