Abbiamo già parlato del rapporto tra rischio e guadagno e in questo articolo cercheremo di svilupparlo meglio.                                                                                      

 

Questo concetto indica che per rischiare dei soldi in una trade il rischio deve essere minore del potenziale guadagno , altrimenti non ne vale la pena .

Perché mai infatti dovrei rischiare 30 pip per guadagnarne 10? Non sarebbe una scelta molto saggia, no?

Ma quanto deve essere il guadagno maggiore del rischio per essere accettabile? Dipende dal tipo di trade e dalla percentuale di riuscita di quel particolare set up.
Se io so che un determinato pattern dei prezzi si conclude con successo il 50% delle volte, allora se il mio stop loss e il mio target sono alla stessa distanza (rischio/guadagno 1:1), statisticamente alla lunga non perderò ne guadagnerò soldi, giusto?
Se il mio pattern ha una percentuale di riuscita del 50% ma il mio rapporto rischio/guadagno è di 1:2, statisticamente alla lunga guadagno il doppio di quanto perdo.
Capite quindi dove vogliamo arrivare....se io ho un pattern che si conclude con successo il 70% delle volte e uso un rapporto rischio/guadagno di 1:3, vuol dire che statisticamente il 70% delle volte guadagno 3 e il 30% delle volte perdo 1. Alla lunga quindi questo farà crescere il vostro account in maniera esponenziale.

Praticamente il rapporto /rischio guadagno viene stabilito prima di entrare in una trade.
Quando si individua una possibilità , si deve stabilire prima di tutto dove posizionare lo stop loss.
Poi
si identifica il potenziale target per i prezzi . Se il rapporto rischio /guadagno è accettabile , possiamo prendere quella trade, altrimenti ne aspetteremo un'altra più favorevole .
Ogni sistema di trading fa storia a sé quindi ognuno di noi dovrà calcolare la percentuale di riuscita delle trade e inglobare questo concetto di risk/reward. Per dare delle linee guida generali, il rapporto rischio guadagno dovrebbe essere come minimo:

  • 1:3 per le trade che seguono il trend.
  • 1:1,5 per le trade nel range.
  • 1:1 per le trade contro il trend.

Questi sono i valori minimi, sotto dei quali non si deve prendere quella determinata trade. Se individuiamo rapporti maggiori tanto meglio.