Per un occhio inesperto i grafici possono sembrare casuali oscillazioni di prezzi, in realtà non è proprio così. Con l'introduzione dell'analisi tecnica gli analisti tecnici hanno imparato a distinguere particolari formazioni dei prezzi che statisticamente producono determinati movimenti di mercato. Le formazioni si dividono in due grandi gruppi: figure di inversione e figure di continuazione.

Figure di inversione

Prima di analizzare le singole formazioni, è bene fare una precisazione fondamentale per aumentare l'efficacia di queste figure. Quando si individua una figura che si sta delineando è importantissimo aver presente il contesto in cui ci si trova. Infatti una figura di inversione che si forma in corrispondenza di un livello chiave di supporto o resistenza assume un significato molto più importante di una figura simile al centro di un range che invece ha una rilevanza molto minore.
Testa e spalle (o head and shoulders in inglese) è molto probabilmente la figura di inversione più conosciuta. Il nome deriva della conformazione del grafico formato da tre oscillazioni dei prezzi. Quelle laterali, più piccole, rappresentano le spalle, mentre quella centrale più pronunciata, rappresenta la testa. In un trend rialzista può segnalare la fine di un trend e l'inizio di un'inversione di tendenza.
Testa e spalle

 

 

Per definizione un trend rialzista è costituito da una serie di massimi e minimi crescenti. Un possibile sviluppo di una figura Testa e Spalle si comincia a profilare quando dopo il picco della testa, la trendline diagonale che collega i minimi del trend rialzista viene rotta e il nuovo minimo arriva in corrispondenza del minimo precedente, come contrassegnato dalla linea tratteggiata orizzontale (neckline). Questo è un primo segnale di indebolimento del trend rialzista. Successivamente il prossimo massimo, quello corrispondente alla spalla destra, non raggiunge il massimo precedente, quindi viene definitivamente rotta la definizione del trend rialzista che vuole massimi e minimi crescenti. A questo punto diventa cruciale verificare la reazione dei prezzi in corrispondenza della neckline. Perché la figura di inversione venga confermata, occorre aspettare una rottura della neckline e un retest della stessa come resistenza. Se questo avviene, il target al ribasso viene misurato proiettando dalla neckline verso il basso la distanza tra la neckline stessa e la testa della figura.

Questa figura è abbastanza facile da scorgere in questa forma come interruzione di un trend rialzista, ma esistono anche delle varianti che rispettano gli stessi concetti. Nella figura sottostante vediamo un Testa e spalle in un trend rialzista con la neckline obliqua e un Testa e spalle rovesciato che, simmetricamente, segna la fine di un trend ribassista.
Varianti testa e spalle

 

Doppio top o doppio bottom rappresentano altre figure di inversione molto conosciute e facilmente individuabile nei grafici. Il doppio top si può verificare in un uptrend quando i prezzi non riescono a superare il massimo precedente. Questo dà origine alla nascita di una resistenza in corrispondenza dei due massimi che viene giudicata troppo forte per essere superata. La sensazione di aver raggiunto il vertice può portare i prezzi a scendere perché vengono meno le ragioni per mantenere o aprire posizioni lunghe, il che fa aumentare la pressione ribassista. Tuttavia, perché la figura venga confermata, bisogna aspettare un retest della parallela della linea che collega i due massimi passante per l'ultimo minimo, come rappresentato in figura. Il discorso simmetrico vale per il doppio bottom.
Doppio top o doppio bottom

 

Figure di continuazione

Di seguito verranno elencate le principali figure di continuazione che indicano una pausa del trend principale in essere. Non è detto che queste figure portino alla sicura continuazione del trend quindi bisognerà sempre aspettare una rottura della figura in direzione del trend principale e un ritest per avere la conferma della reale ripresa del trend.

I triangoli sono figure di continuazione che presentano le trendline convergenti che li delimitano. Se ne individuano tipicamente di tre tipi: simmetrico, ascendente e discendente
Il triangolo simmetrico è costituito dalla trendline inferiore ascendente mentre quella superiore è discendente. Il triangolo ascendente è più tipico nei trend rialzisti e presenta la trendline inferiore ascendente, mentre quella superiore è orizzontale. Infine il triangolo discente si individua più facilmente in trend ribassisti ed ha la trendline inferiore orizzontale e quella superiore discendente. Queste figure hanno più probabilità di essere rotte nella direzione del trend originario ma è importante aspettare una conferma di ciò con la rottura di una delle trendline e il retest dall'altro lato della stessa come si vede nelle figure sottostanti.
I triangoli

 

Le bandiere o pennant sono invece delimitate da due trendline parallele e assomigliano a dei parallelogrammi. Sono comuni nella fasi di esaurimento temporaneo di un trend quando i prezzi rintracciano momentaneamente prima di continuare nella direzione del trend principale.
Le bandiere o pennant

wedge e i rettangoli sono una variazione dei triangoli e dei pennant. I wedge sono dei triangoli che hanno un'inclinazione opposta al trend mentre i rettangoli sono composti da due trendline parallele e orizzontali. Entrambi sono presenti in trend rialzisti e ribassisti indistintamente.
Wedge e i rettangoli