Chi fa trading intraday sa che ci sono tutta una serie di eventi e notizie che si presentano quotidianamente e che hanno la capacità di muovere il mercato.

Per gli eventi improvvisi non possiamo fare molto se non avere lo stop loss al proprio posto per proteggerci da movimenti repentini.
Tuttavia moltissimi fenomeni cadono con scadenze regolari e possono essere gestiti minimizzando i rischi.
Stiamo parlando dell'apertura dei mercati (Londra, New York, Tokyo), dei rilasci delle notizie più significative, delle conferenze di personaggi di spicco ecc.
Tutti i trader intraday devono avere sott'occhio il calendario economico giornaliero e prestare molta attenzione ai market movers più importanti.

Quando ci si avvicina ad un evento importante solitamente i prezzi oscillano per diversi minuti o ore (a seconda dell'importanza dell'evento ) prima di esplodere in seguito al rilascio delle news o all'apertura di un mercato .

E' possibile che i prezzi non partano in una direzione senza più fermarsi; molto spesso si muovono in una direzione e poi invertono marcia all'improvviso andando nella direzione opposta.

Siccome questi eventi hanno la capacità di sovvertire i trend in atto è bene prepararsi al meglio per gestirli se abbiamo una posizione aperta.
A prescindere dal timeframe utilizzato, quello che possiamo fare è individuare il più recente supporto e resistenza pre-news nel grafico a 5 minuti e avvicinare lo stop loss a questi livelli mantenendo comunque una distanza di sicurezza.

Facciamo un esempio:
Siamo long EUR/USD; siamo entrati all'apertura di Londra e stiamo seguendo il trend che ci ha portato a +60 pip in profitto. Il nostro target è a ancora lontano di 40 pip. Sono le 10.30 del mattino. Controlliamo il calendario economico e vediamo che alle 11.00 la Banca Centrale Europea annuncerà i dati sul CPI dell'area Euro, dato chiave sull'inflazione.
All'avvicinarsi delle 11 notiamo che i prezzi oscillano in un range di 20 pip e il nostro profitto oscilla tra +50 e +70.
Abbiamo 2 alternative:

  1. ) chiudere la trade perché siamo contenti del profitto che abbiamo. Vedremo poi se le news ci permettono di trovare un'entrata successiva.
  2. Teniamo la trade aperta ma la gestiamo muovendo lo stop loss.

 

Analizziamo quindi il secondo caso:
Muoviamo lo stop loss a sotto il range individuato nel grafico a 5 minuti, diciamo a 10 pip dal range, per lasciare un po' di spazio per oscillazioni irregolari.
Se le news faranno invertire la rotta dei prezzi e raggiungeranno lo stop loss, avremo chiuso la trade con 40 pip di profitto.
Se le news spingeranno i prezzi ancora più in alto, continueremo a seguire il trend fino a che il target non è raggiunto oppure fino a che riceveremo un altro segnale di uscita.