Il 1980 ha appena chiamato – ha detto di comprare Petrolio e Azioni Petrolifere

Barili Petrolio"La crisi petrolifera ha lasciato il posto alla sovrabbondanza di petrolio. Questa percezione è rafforzata da una litania quasi quotidiana delle riduzioni di prezzo sul mercato mondiale. Tuttavia, la parola ''eccesso'' è fuorviante, poiché suggerisce che i giorni di facile reperibilità sono tornati. Si tratta di un’illusione pericolosa e potenzialmente costosa, basata su una errata interpretazione di ciò che sta accadendo. Quello che sta accadendo è un attimo di respiro, non la liberazione.

Ma i ricordi sono brevi quando si tratta di energia. Per citare un articolo di giornale, 'C'è una grande quantità di petrolio OPEC, intorno, forse, a due milioni di barili al giorno, che non riesce a trovare un mercato senza sconto e che mina la struttura dei prezzi che l'organizzazione è stata progettata per difendere'."

Questa e’ una citazione da un articolo del New York Times di Daniel Yergin, autore di grandi libri sulla storia del petrolio come The Prize e The Quest. Il resto dell’articolo sopra citato va avanti e parla di tutte le pressioni che costringono il prezzo del petrolio verso il basso, come l'aumento dell'efficienza energetica, riduzione dei consumi complessivi nel mondo sviluppato, e un gran numero di fonti di greggio provenienti da paesi non-OPEC che minacciano il controllo che OPEC ha sul mercato.  Sorpresa: l’articolo è stato scritto nel giugno 1981.

  • Inizia il Trading sul Petrolio Adesso!     Clicca Qui

 

Suona terribilmente attuale, vero?

La storia non si ripete mai veramente, ma al tempo stesso, il detto, "questa volta è diverso" non sembra davvero funzionare, soprattutto se si tratta di materie prime come il petrolio e il gas. Quindi cerchiamo di capire se ci sono dei parallelismi tra il mercato del petrolio degli anni 1980 e quello che sta succedendo oggi. Poi esploreremo come il mercato ha reagito in quel periodo, e nei successivi 30 anni, per capire come l’attuale crollo dei prezzi potrebbe dare qualche indizio in come investire nel settore petrolifero per i prossimi 30.

 

1981: L'anno che ci ha dato MS-DOS, MTV, e il surplus di petrolio

L'anno 1981 ha prodotto qualcosa che molte persone non avevano visto da molti anni - un effettivo surplus di petrolio. Per capire come è avvvenuto, però, dobbiamo tirare indietro l'orologio di un paio di anni. Gran parte del 1970 è stato un periodo contrassegnato da una crisi petrolifera dopo l’altra. Nel 1979, un'altra di queste crisi inizio’ in concomitanza con la rivoluzione iraniana, che provoco’ scarsità di petrolio.

Tale carenza, unitamente alla penuria di petrolio del 1973, ha dato inizio ad un’ondata di programmi di esplorazione senza precedenti in altre parti del mondo. Tra il 1977 e il 1982, grazie alle trivellazioni in Alaska, Mare del Nord, e in Messico, miliardi di barili di petrolio non-OPEC sono stati portati in superficie e immessi sul mercato.

Ad aggiungere ancora più benzina sul fuoco (letteralmente!), nel 1979, gran parte del mondo sviluppato si trovava in un periodo di recessione economica. Tra il 1979 e il 1983, il consumo di petrolio nei paesi sviluppati – i paesi membri dell’OCSE – era diminuito di quasi il 17%.

Che cosa ha determinato il tracollo finale dei prezzi del petrolio? Poiché tali nuovi flussi di petrolio sono stati resi disponibili sul mercato nel momento in cui la domanda andava scemando, i paesi OPEC non sono stati pronti a reagire abbastanza velocemente con un adeguato taglio dei prezzi. Poi ovviamente, è stato molto più difficile controllare i prezzi in quanto la loro quota di mercato era stata tagliata da quasi la metà a meno di un terzo entro il 1985.

 

Parallelismo tra il 1981 e il 2014

Produzione Greggio USADisegniamo alcuni parallelismi tra questo periodo negli anni 1980 e oggi. C'è un aumento della produzione da fonti non-OPEC? Certamente... basta guardare i numeri di produzione degli Stati Uniti nel corso degli ultimi cinque anni.

Che dire di un calo dei consumi del mondo sviluppato? Sì, naturalmente. Dal 2005, abbiamo visto la domanda dei paesi OCSE calare di 4,5 milioni di barili al giorno. Questo crollo è da attribuire in parte al collasso economico del 2008, ma è anche dovuto all’aumento dell'efficienza dei veicolo e dell'uso di combustibili alternativi, come l'etanolo.

Infine, cosa dire riguardo all'OPEC non in grado di reagire in maniera efficace? Dalle notizie che ci pervengono quotidianamente, sembra proprio che la storia si stia ripetendo. Ultimamente, l’OPEC sembra particolarmente litigiosa al suo interno. L'Iran sta litigando con i paesi del Golfo, il Venezuela scalpita, mentre l'Arabia Saudita si tiene strette le sue quote di produzione.

 

Che cosa è successo dopo la saturazione di petrolio dell’80?

Consumo Petrolio Globale 1979 - 2013Beh, un sacco di cose. Ci sono stati conflitti nelle principali nazioni produttrici, il crollo dell'Unione Sovietica, molte recessioni economiche, panico da eccesso di offerta di petrolio alimentato dal timore che la produzione globale di petrolio non sarebbe andata da nessuna parte se non in calo grazie al picco del petrolio. Tutte queste considerazioni e timori sono stati seguiti dalla domanda, "E' questo il nuovo ‘equilibrio’ normale?"
Guardando il quadro generale, però, la cosa più importante da tenere in considerazione per capire l’andamento dei mercati petroligeri mondiali degli ultimi 30 anni è stato un aumento della domanda di 27 milioni di barili al giorno. E il 95% di questa domanda è stata guidata dal progresso economico del mondo in via di sviluppo.

Ci sono stati un sacco di picchi e di cali di prezzo nel corso di tutto il periodo, ma nel complesso l'aumento della domanda alla fine ha mantenuto in vita e in piena salute le compagnie petrolifere di tutto il mondo. Sì, ad  un certo punto si e’ temuto che le grandi compagnie petrolifere fossero allo stremo.

In 18 mesi tra il 1981 e la metà del 1982, le azioni ExxonMobil (NYSE: XOM) sono calate di oltre il 40% :

Azioni Exxon Mobil prima 2018

 

Tuttavia, da allora, la ExxonMobil e’ andata cosi bene che molti suoi azionisti non hanno mai lasciato le azioni dell'azienda:

Azioni ExxonMobil 1981 - 2014

 

Non mi importa che tipo di investitore siete: questa performance impressiona chiunque guardi i grafici sopra.

  • Inizia il Trading sul Petrolio Adesso!     Clicca Qui

 

In conclusione

Non c'è modo di sapere con certezza se i prossimi 30 anni saranno proprio come sono stati gli scorsi 30, dal 1980 ad oggi, e non possiamo nemmeno garantire che la performance di ExxonMobil in quel lasso di tempo verrà replicata.

C'è una cosa che pero’ probabilmente continuerà a rimanere costante durante i prossimi 30 anni: il progresso economico del mondo in via di sviluppo. Troppi di noi pensano che solo la Cina sia un paese in forte sviluppo economico, ma 28 dei 50 paesi in più rapida crescita economica al mondo si trovano in Africa e nel Medio Oriente, e 43 nazioni africane e del Medio Oriente hanno i più alti tassi di crescita della popolazione.
E’ molto probabile che la crescita di queste nazioni provochi una crescente domanda di petrolio. Secondo Exxon Mobil, questo dovrebbe generare circa altri 21 milioni di barili al giorno di nuova domanda entro il 2040.

 

Come acquistare titoli sul greggio e azioni di compagnie petrolifere mondiali

Il modo piu’ facile e profiquo per acquistare azioni di compagnie petrolifere di tutto il mondo o indici petroliferi e’ senz’altro l’utilizzo di CFD.

Acquista Vendi PetrolioQualunque sia il vostro orizzonte temporale di investimento o trading e qualunque sia l’andamento del prezzo del greggio nel prossimo futuro , quel che e’ certo e’ che i mercati dell'energia sono estremamente liquidi, globali, e sono dotati di una incredibilmente ampia mole di dati fondamentali e tecnici che li rende uno dei mercati più stimolanti e interessanti per il trading.

I CFD ( Contratti per Differenze) su Petrolio permettono di effettuare negoziazioni a prezzi di mercato in tempo reale senza possedere il bene stesso. Ciò significa che è possibile fare trading a marginazione e ottenere una leva sugli investimenti fino a 400. Sui CFD Petrolio (e a dire il vero, su qualsiasi altro CFD su materie prime) viene applicata una leva finanziaria più "generosa" rispetto ai CFD su azioni.
Inoltre, poiché non si possiede realmente il petrolio, non ci sono commissioni e si può acquistare o vendere istantaneamente quando i mercati sono aperti.

Si possono inoltre acquistare titoli azionari di compagnie petrolifere italiane e straniere, quali, per esempio (clicca sul nome delle azioni per acquistarle in 5 minuti accedendo alla piattaforma di trading online):