Borsa: Finmeccanica in crescitaDopo aver decantato, nel corso del 2015, le straordinarie performance di Finmeccanica, derivate da innumerevoli contratti conclusi con successo, siamo lieti di annunciare ulteriori miglioramenti e progetti affidati, in questi primi mesi del nuovo anno, a questa enorme società. Il gruppo Finmeccanica può contare su una molteplicità di società controllate che, unite in un’unica squadra, creano tutte le caratteristiche necessarie per essere considerate una tra le più importanti ed efficienti nei vari settori di appartenenza. Come vedremo in seguito, uno dei più importanti vantaggi di avere nel proprio interno una diversificazione così elevata è proprio quello di riuscire a concludere una quantità di contratti maggiore proprio per l’alta specializzazione dei vari team lavorativi. 

Oltre che dal punto di vista aziendale, il gruppo, essendo quotato nella borsa italiana attraverso il suo simbolo di riferimento, ogni anno continua a dare soddisfazioni (in misura altalenante) anche a tutti gli investitori che da sempre credono in questa realtà, soprattutto in ragion dei grandiosi risultati operativi. Ricordando brevemente alcuni dei settori più importanti di Finmeccanica ( sicurezza, aerospazio e difesa), possiamo subito capire come ogni contratto concluso, avviato o in fase di realizzazione sia importantissimo purché inglobi quote molto alte di guadagno e periodi di continuità nel processo produttivo (indispensabile sia per aumentare la propria fama a livello mondiale sia per migliorare sempre più le proprie competenze).

Nuovi contratti per Finmeccanica

È davvero un 2016 iniziato con i botti sotto l’aspetto dei contratti, andiamo a vedere nel dettaglio quelli più importanti e anche più affini all’aspetto borsistico:

  • Finmeccanica, dopo brevi trattative, ha dichiarato di aver concluso un importante contratto attraverso Pilatus Aircraft Ltd (riguardante la fornitura di sistemi all’avanguardia strettamente legati al settore delle comunicazioni) per 49 addestratori PC-21, utilizzati nell’insegnamento delle forze armate. La scelta da parte di Pilatus di voler continuare la collaborazione con il gruppo italiano è sicuramente indice dell’impeccabilità dei lavori conseguiti nel corso del tempo.
  • La seconda importante novità riguarda la produzione, da parte della divisione “Sistemi avionici e Spaziali”, di nuovi sistemi di identificazione aerea per la Svezia e il Brasile. Tale contratto, firmato con SAAB, comprende anche la fornitura di altri due sensori: il nuovo sensore ad infrarossi e l’innovativo radar a scansione elettronica.

I milioni di euro in ballo sono davvero tantissimi e siamo sicuri che Finmeccanica, grazie alle sue doti di programmazione, organizzazione e controllo, riuscirà a mantenere alto il livello delle produzioni italiane. Ovviamente questi sono solamente due dei tanti contratti avviati da Finmeccanica in questi ultimi periodi che, come citato in precedenza, può contare su una forte diversificazione produttiva.

Specializzazione e diversificazione per un futuro in salita

Notizia recente conferma la presenza di Finmeccanica all’interno della super gara che porterà alla fornitura di ben 350 aerei, che verranno utilizzati dalle forze armate americane nel settore addestramento. Secondo indiscrezioni, il servizio di fornitura appena citato, con annessi supporti logistici e di manutenzione, dovrebbe aggirarsi intorno ad alcuni miliardi di dollari. Il velivolo in questione (in caso di vincita della gara) sarà il T-100 ed andrà a sostituire la precedente flotta che vanta già una carriera quarantennale. Il gruppo italiano, rientrando così all’interno di questo enorme programma, spera di aggiudicarsi il prima possibile questa ambiziosa commessa, prevista entro il prossimo anno e obbligata a concludersi entro e non oltre il 2024.

Filippo Bagnato, capo del comparto velivoli nel gruppo, esprimendo grande fiducia verso la propria squadra, ha ribadito di avere un altissima possibilità di riuscita grazie soprattutto al fatto che, tra i vari competitors in gara, solamente Finmeccanica e Lockheed possiedono un modello già progettato e collaudato. Vincere significa molto per il gruppo di Bagnato poiché, l’ennesimo contratto firmato, oltre a portare vantaggi dal punto di vista monetario e di impiego, porterà sicuramente un accentramento nel mercato americano (importantissimo per le sue alte necessità in termini di quantità).

Partenza 2016 in scia del 2015

Prima ancora di iniziare a parlare del 2016, è doveroso ricordare le ottime performance avute da Finmeccanica nel corso del 2015, conclusosi nel migliore dei modi con tantissimi progetti in fase di conclusione o di produzione. Oltre che dal punto di vista aziendale, anche sotto l’aspetto borsistico sono state davvero numerose le soddisfazioni raggiunte dal gruppo italiano che, mese dopo mese, continua a dare risultati soddisfacenti anche a molti investitori. Ribadendo il concetto che tale titolo è stato considerato come uno dei più importanti nel corso del precedente anno, non possiamo non soffermarci sugli andamenti presenti che, dati i grandi investimenti e i progetti in corso, potrebbero continuare sulla scia dei vecchi risultati.

Ai tempi di oggi sono davvero molti i sistemi di negoziazione disponibili sulle varie piattaforme online che permettono di operare su tantissimi titoli, come appunto quello Finmeccanica (FNC-I). Attraverso il metodo dei contratti per differenza è possibile applicare la propria strategia affiancandola alle comodissime analisi sui grafici in tempo reale, messi a disposizione dai vari broker online. In conclusione ribadiamo che grazie alle varie applicazioni, disponibili per tutti i dispositivi, è possibile negoziare stando anche fuori casa o semplicemente tenere sotto controllo le posizioni già aperte, le quali possono riguardare sia puntate al rialzo sia puntate al ribasso.

Scarica piattaforma trading

                Web Trader piattaforma online