Forex News

  1. Sui mercati dei cambi, l’USD ha recuperato parte del terreno perduto contro le divise G10 dopo il brusco calo di ieri. La curva dei tassi USA è salita leggermente nella parte delle scadenze brevi, i rendimenti dei titoli a due anni sono
  2. Il fine-settimana è stato dominato dalle notizie sugli attacchi a Parigi e oggi il trading sul forex rimane all’interno di fasce. L’AUD/USD è passato di mano fra 0,7130 e 0,7100, mentre l’USD/JPY si è mosso late
  3. La bussola dell’orientamento del mercato valutario punta su dicembre, mese in cui il mercato si attende decisioni di politica monetaria di segno opposto da parte delle due maggiori Banche centrali.Un primo rialzo dei tassi Usa − ora dato
  4. Condizione di breve termine – Aggiornamento settimanaleValutazione algoritmica: sono evidenti le condizioni generali di ipervenduto di periodo e il tentativo di rientro degli ultimi giorni; a 1,094 e a 1,11 punti si rilevano le prime resistenze che
  5. EURUSDLa coppia EUR/USD sta elaborando la recente ascesa iperestesa e passa a un modello di consolidamento. Con una violazione della resistenza marginale a 1,0989, i timori a breve termine derivanti dalla correzione ribassista intra giornaliera della
  6. EURUSDLa coppia EUR/USD sta elaborando la recente ascesa iperestesa e passa a un modello di consolidamento. Con una violazione della resistenza marginale a 1,0989, i timori a breve termine derivanti dalla correzione ribassista intra giornaliera della
  7. Condizione generale di periodoCome atteso, il supporto tra 1,09 e 1,095 ha perfettamente sostenuto il mercato durante il tentativo di break ribassista che, in anticipo, si presumeva non fosse qualificato per la continuazione immediata ed il rimbalzo
  8. Ieri tutto il giorno con l’aspettativa per la riunione FED USA a decidere sui tassi, anche se di fondo, tutti per un rialzo a dicembre o marzo. Quindi tutto si muove nel brevissimo, di trading range, con una volatilità a colpi, selettiva
  9. Mancano poche ore al rilascio della dichiarazione del tasso di interesse da parte della FED. Analizzando il cambio EUR/USD prima di questo evento, possiamo individuare quelle che sono le zone importanti di prezzo. Dopo il movimento discesista del 22
  10. L’effetto Draghi è partito sul mercato forex spingendo l’euro da 1,150 a 1,10 (-4,35%) in 7 sedute. Adesso? Analisi grafica:Il cambio sta testando la trend line rialzista partita dai minimi del marzo 2015, è quindi necessari

Pagine