Forex News

  1. Le situazioni trainanti nei mercati restano inalterate. In primis, sempre la Grecia, con gli incontri ieri entro IMF-CommissEU-ECB, la famosa Troika, e i ministri del nuovo Governo greco.Le situazioni trainanti nei mercati restano inalterate. In prim
  2. Questa settimana la RBA ha tagliato il suo tasso di 25 punti base, portandolo a un nuovo minimo storico pari al 2,25%.I prezzi delle materie prime continuano a stabilizzarsi e le vendite di bond suggeriscono che, o i partecipanti monetizzano, o si st
  3. Continuano gli sforzi del governo greco per il nuovo programma di salvataggio. Durante la seduta asiatica è tornata marginalmente la propensione al rischio. Il Nikkei ha guadagnato l’1,98% e l’Hang Seng ha compiuto un rally dello 0,38%. Anche gl
  4. In meno di quattro settimane la linea di sicurezza internazionale che ha tenuto a galla la Grecia per cinque anni scadrà. I rimborsi del debito incombono e il paese è a corto di fondi. Gli istituti di credito non perdoneranno gli enormi debiti dell
  5. Oggi la delegazione greca atterra a Francoforte dove il ministro delle finanze Varoufakis incontrerà il presidente della BCE Mario Draghi. Oggi la delegazione greca atterra a Francoforte dove il ministro delle finanze Varoufakis incontrerà il presi
  6. Ieri abbiamo assistito alla rottura rialzista della congestione all’interno della quale l’euro si stava muovendo contro il dollaro.Dopo diversi giorni di congestione ieri abbiamo assistito alla rottura rialzista della congestione all’interno de
  7. Oggi incontro min fin Grecia con ECB, mercato crede in un accordo, quindi risultato già prezzato.Giornata ieri con due fattori molto interessanti, che hanno innescato quanto atteso da qualche giorno, con un rientro ulteriore dei timori, e ridotto il
  8. L’euro apre la settimana in area 1.1320 lievemente in rialzo dai livelli di chiusura della scorsa settimana. La settimana scorsa si è conclusa con la drammatica ripresa delle tensioni in Ucraina dell’est dove i separatisti filorussi hanno ripres
  9. In Brasile, il peggioramento del disavanzo di bilancio e l’aumento del debito netto hanno innescato vendite di BRL. La settimana si apre con una flessione del greggio WTI pari al 2,50%, dopo il rally del 6% di venerdì in scia alle voci secondo cui
  10. Scendono le pressioni a vendere sull’EUR/GBP perché il cable è finito inaspettatamente sotto pressione. La deflazione dell’Eurozona si intensifica più del previsto. La stima sull’IPC di gennaio mostra una contrazione dello 0,6% su base annua

Pagine