Forex News

  1. Nel recente passato lo abbiamo ripetuto più volte come il mercato accusi una certa difficoltà a prezzare alcune aspettative: in primis quelle sulla Federal Reserve dal punto di vista del timing dell’eventuale rialzo dei tassi di interesse. Si alt
  2. E’ doveroso iniziare oggi la redazione del nostro contributo con la sterlina e con quanto sta avvenendo in queste ore in Gran Bretagna. Dalla tornata elettorale interamente sviluppatasi nella giornata di ieri è dunque uscito vincitore l’attuale
  3. Leggere il mercato valutario in ottica dollaro-centrica è concettualmente corretto per come questo è costruito fin dal suo concepimento. Averlo fatto nell’ultimo anno si è rivelato, se possibile, ancor più accorto visto il trend di ascesa del d
  4. Rialzo dei rendimenti europei, borse che approfondiscono le correzioni (all’interno di ambienti molto volatili), valutario che vede la continuazione delle prese di profitto sul dollaro americano capace, come da previsioni, di mantenere l’unidirez
  5. Ripartiamo dopo la pausa di venerdì, giornata durante la quale abbiamo assistito alla partenza ufficiale di Expo 2015 condita dalle vergogne di Milano, con i mercati che si mantengono volatili, correlati dal punto di vista del dollaro-centrismo (anc
  6. I temi che si sono sviluppati ieri sui mercati finanziari sono stati numerosi e ciò ha condotto ad una volatilità enorme sui prezzi che, per fortuna dei trader, non ha causato repentini cambiamenti sulle logiche dei movimenti che già da diversi gi
  7. Iniziano a resistere le correlazioni su cui stiamo ragionando da qualche settimana, con il dollaro in correzione contro euro, dollaro australiano, sterlina e dollaro canadese, contro i quali sono stati compiuti nuovi minimi relativi. Correzioni anche
  8. Ne parlavamo ieri mattina in collegamento con Class CNBC. Varoufakis verrà bypassato nelle trattative tra Grecia ed Eurogruppo? La nostra risposta è stata una non risposta, nel senso che, dal punto di vista politico, non ci sentiamo in grado di por
  9. Osservando la dinamica dei prezzi della settimana che ci siamo appena lasciati alle spalle non si può di certo affermare che la volatilità abbia latitato. Pur senza spunti interessanti sul fronte delle pubblicazioni macro, i movimenti di mercato so
  10. Ci apprestiamo a vivere l’ultimo giorno della settimana trovandoci di fronte a grafici in congestione. Abbiamo riflettuto sulla buona volatilità che ha caratterizzato i prezzi durante le ultime sedute, sul fatto che i mercati erano (e continuano a

Pagine