Forex News

  1. Ulteriore scalata per il GBP/USD a 1,6443 (massimo su 2 anni e raggiungimento del nostro target a 1,6388). EURUSDLa correlazione tra EUR e le aspettative della BCE è ben stabilita, il che rende fondamentale la riunione della Banca centrale europea d
  2. L'euro perde colpi in questa prima seduta di dicembre, il dollaro continua a guadagnare posizioni contro lo yen, bene la sterlina a novembre, USDCAD sui massimi del 2013. L'euro perde colpi in questa prima seduta di dicembre, il dollaro continua a gu
  3. I warning lanciati durante la settimana scorsa sulla sterlina inglese sono risultati interessanti e forieri di una salita.Nessuna grossa novità durante il week end, con soltanto il PMI manifatturiero cinese in pubblicazione in grado di far salire le
  4. Livelli statici di lungo periodo (base settimanale e, principalmente, mensile) si rilevano a 1,395/1,40 e 1,445 punti circa.Condizione generale di periodoIl mercato ha continuato il recupero dopo il minimo di breve periodo realizzando tre settimane d
  5. Con i tori del GBP che continuano a guadagnare impeto, gli indicatori tecnologici si approssimano alle condizioni di ipercomprato.Sebbene i mercati statunitensi siano per lo più di ritorno dalle festività del Ringraziamento, pare che le condizioni
  6. Di Giuseppe Di Vittorio Una tassa che sia in grado di evitare una fuga di capitali e una riduzione degli scambi. Un’imposta capace di non creare danni per l’economia reale, il piccolo investitore o addirittura compromettere le perfoman
  7. Il GBP/USD ha recuperato a 1,6374 (un paio di pip al di sotto del massimo annuale a 1,6381).I verbali giapponesi del IPC sono stati piatti-positivi sui dati di ott/nov. A Tokyo il prezzo dell'inflazione ha sorpreso al rialzo (novembre IPC a +0,9% a f
  8. Vale brevemente fare un cenno, a fini di utilità operativa, cosa comporta il Thanksgiving e appunto il Day After Thanksgiving.Il titolo del nostro Morning Adviser di questa mattina ci permette immediatamente di intuire quali possano essere le condiz
  9. L’EUR/USD si è impennato brevemente a 1,3618 dopo i dati e continua a trovare un buon supporto sopra la banda di Bollinger media a 30 giorni (1,3575).I volumi scarsi generano volatilità sostenuta sui mercati valutari. La maggior parte delle valut
  10. Uno sguardo anche alle valute dei mercati emergenti. In evidenza la rupia indonesiana che continua a perdere terreno.Buona volatilità sui cambi nella prima parte della settimana grazie alle variazioni delle attese degli investitori sulle prossime mo

Pagine