Forex News

  1. Da quanto avviene in molte parti del mondo abbiamo continue conferme che dobbiamo e dovremo convivere con maggiori rischi. In questi ultimi giorni primi fallimenti “eccellenti” in CINA, con Kaisa settore immobiliare, e poi molto vicino, del bond
  2. EURUSDL’EUR/USD si è indebolito nei pressi della resistenza implicata dal ritracciamento a 61,8% (1,0839), confermando le persistenti pressioni di vendita. Supporti orari possono essere trovati a 1,0625 (minimo 16/04/2015) e a 1,0521 (minimo 13/04
  3. Le borse asiatiche hanno capovolto le marcate perdite di ieri perché le speranze di nuovi stimoli economici dalla Cina e i risultati discreti delle trimestrali hanno fatto rientrare le apprensioni. L’USD si è rafforzato rispetto alle valute del G
  4. Una rinnovata serie di dati positivi per EU a ridare tono agli Indici, in un mercato sempre alla ricerca incondizionata di rendimento. Una rinnovata serie di dati positivi per EU a ridare tono agli Indici, in un mercato sempre alla ricerca incondizio
  5. Oggi una lunga ulteriore serie di dati economici, ma oramai le attenzioni sono tutte per la prossima riunione della ECB di inizio giugno.Giornata caratterizzata ancora dalla bassa VOLATILITà, con assenza di nuovi fattori importanti. Per ieri avevamo
  6. Di un aumento dei costi energia dal rialzo petrolio, spinta al rialzo anche dal calo stoccaggi USA.Il dato del PMI servizi in EU ieri, tutto sommato in linea alle aspettative, ha evidenziato l’aumento del divario entro varie nazioni in EU. Molto po
  7. La liquidità nei portafogli è elevata, ed è sempre in cerca di un rendimento, ma pure di maggiore qualità.Una situazione sempre di elevate incertezze, in mezzo a DATI economici deludenti. Ieri ad esempio, il settore manifatturiero in EU è tornat
  8. Dopo due giornate di passione ieri Piazza Affari è ripresa a salire guadagnando lo 0,98%. Il listino milanese ha fatto addirittura meglio del listino tedesco che è sceso dell’1,03%, mentre quello francese e quello inglese hanno perso rispettivame
  9. Ancora un’altra seduta negativa per Piazza Affari che ha ceduto il 2,34% ma chiudendo in linea con le altre principali piazze finanziarie europee. Esclusa Londra che ha ceduto solo lo 0,79%, Francoforte e Parigi hanno chiuso rispettivamente cedendo
  10. Venerdì si è chiusa una settimana all’insegna della negatività per il nostro listino visto che l’indice Ftse Mib ha perso su base settimanale l’1,90%. L’ultima seduta settimanale si è conclusa con un guadagno dello 0,19% su base giornalie

Pagine