Tu sei qui

Volatilità con incertezze proseguono

Mercoledì, 14 Ottobre, 2015

Dopo il segnale impostato da venerdì/lunedì di un eccessivo ottimismo su indici, metalli, petrolio, e livelli di resistenza su CAD, NOK, emergenti, sono bastate due notizie a confermare il tutto. Dalla Cina, bilancia commerciale con ampio calo export, crollo import, a rimettere in discussione l’attuale fase di rallentamento e potenziale ripresa, dell’economia. E ancora un dato dalla GER, il sentiment industriali, e su economia, ZEW, in calo superiore alle aspettative, e una probabile riduzione delle previsioni di crescita. Anche dal GIAPP dati ulteriori negativi, con calo ordini macchinari, calo fiducia consumatori. Questo ha fatto cedere velocemente commodity, petrolio, metalli, emergenti, minerari, indebolendo CAD, NOK, ZAR, AUD, e titoli correlati, in particolare lusso. Bene per contro, la borsa cinese, ancora, grazie alle prospettive di uno stimolo economico, iniezione ulteriore di liquidità, miglioramento ampio degli utili del settore casino. E il focus parte questa settimana con la pubblicazione degli utili corporates. Ancora sotto pressione ringitt MAL. In calo yields, dopo i dati inflazione e prezzi consumo EU, in ulteriore calo, in territorio negativo per GER, UK, CHF. Bene quindi le aste di ITL, ESP, di breve termine, con buona domanda. Cede quindi la GBP, anche se il dato settore dettaglio è risultato migliore delle attese, appesantita dal dato di deflazione, con attività marcata su vari cross principali, e che va ad alimentare la tenuta/forza dell’EURO. Sul fronte CH, la BNS ha fatto richiesta di un aumento dei capitali necessari in mezzi propri alle banche, e il CHF ne ha approfittato. Situazione generale, dati e politica, invariati, e tutto sempre caratterizzato da trading di brevissimo, di volatilità entro singole situazioni, senza trend specifici. E a dimostrazione di quanto, in chiusura ieri, rimbalzo di commodity, petrolio, e di tutti gli annessi, con CAD, NOK in recupero ampio.

Mercoledì, 14 Ottobre, 2015
 

 

Copyright (c) 2009  Borse Pro. Tutti i diritti riservati.

Tassi

Tassi