Tu sei qui

RUB in rialzo con lo stabilizzarsi dell’inflazione

Lunedì, 26 Settembre, 2016


Russia: Verso un nuovo taglio del tasso a settembre

di Yann Quelenn

Il rublo cavalca il momentum rialzista, scambiando attualmente sotto i 65 rubli per un dollaro. Le cose si mettono bene per il paese, le prospettive economiche mostrano, infatti, chiari segni di miglioramento. A luglio, l’inflazione è scesa ai minimi da 2 anni, al 7,2% a. Sembra che la strategia di politica monetaria di Elvira Nabiullina stia dando i suoi frutti. Inoltre, la governatrice della banca centrale russa ha detto chiaramente che uno dei suoi obiettivi principali è aumentare le riserve auree e valutarie fino a 500 miliardi di USD, per sostenere il più possibile la divisa russa con l’oro. Sembrerebbe una mossa astuta, considerando il clima d’incertezza globale e la strategia sta sicuramente aiutando la Russia ad attrarre investitori. Oggi saranno diffusi i dati sulle riserve auree e valutarie russe, che dovrebbero mostrare un costante incremento verso l’obiettivo della banca centrale.

Per il momento, il rublo si sta apprezzando ed è necessario monitorare questo rialzo generale. Ecco perché riteniamo probabile che la banca centrale russa allenti di nuovo alla riunione di politica monetaria di settembre. Con l’ultimo taglio, avvenuto a luglio, il tasso è stato abbassato al 10,50% dall’11%. Ora ci aspettiamo un taglio verso il 10%.

Banca centrale del Messico: prudente ma non interviene

di Peter Rosenstreich

È opinione comune che, all’odierna riunione di politica monetaria, Banxico manterrà invariato il tasso di riferimento al 4,50%, dopo il rialzo di 50 punti base di giugno, per un totale di 125 punti base nell’attuale ciclo di restringimento. Nonostante il lieve rallentamento dell’inflazione, con l’IPC anno in rialzo del 2,64% rispetto al 2,73% previsto, la divergenza fra le dinamiche inflazionistiche e di crescita rimane un problema per la banca centrale. Ciò nonostante, Banxico rimane vigile, perché la costante flessione dell’MXN rischia di sfondare l’obiettivo d’inflazione della banca, innescando instabilità in termini finanziari. Per quanto riguarda la crescita, la produzione industriale – il dato sarà diffuso in giornata – dovrebbe rimanere limitata, pari allo 0,5% dallo 0,4% a, a conferma delle incertezze sulla crescita che si propagano dagli USA. Banxico, però, si concentra soprattutto sulla Fed e sul difendere il peso da un deprezzamento eccessivo. La banca centrale ha segnalato una strategia reattiva, imitando le decisioni di politica monetaria del FOMC. Se a settembre la Fed alzerà i tassi di 25 punti base, ci aspettiamo che Banxico faccia lo stesso (FOMC: 21 settembre; Banxico: 29 settembre). Tuttavia, visto il restringimento preventivo, pari a 100 punti base, il Messico ha giocato d’anticipo e non prevediamo un intervento alla riunione (fintantoché la debolezza dell’MXN rimane circoscritta). Fatta questa premessa, il nostro scenario di base al momento non prevede un rialzo della Fed in autunno, quindi anche il Messico non interverrà.

Giovedì, 11 Agosto, 2016
 

Copyright (c) 2009  Borse Pro. Tutti i diritti riservati.

Tassi



Tassi