Tu sei qui

Recede sindrome cinese, salgono i mercati

Martedì, 20 Ottobre, 2015

Giornata con scarsi dati economici, con rifacimento posizioni da parte dei mercati di trading a muovere. Dapprima la Cina con indicatori migliori delle aspettative, anche se in rallentamento confermato. Effetti per metalli in leggero calo, indici Asia in calo da max 2mesi, Cina da 8settimane. Meglio AUD, WON corea, emergenti. E in leggero calo CHF, ORO, YEN, calo titoli minerari, recupero lusso. Dal GIAPP abbiamo avuto commenti vari dalla BoJ, a riconfermare la ripresa lenta e graduale, e l’ottimismo di fondo. Gli occhi restano per la riunione di giovedì della ECB, con decisione sui tassi, e su QE, con commenti di Draghi. E mercoledi la riunione a Vienna dell’OPEC, con VEN, URSS, a discutere sui prezzi petrolio. Venerdi il dato PMI manifatturiero in EU. E il risultato del voto in CAD. nel frattempo abbiamo gli incontri e riunioni entro GER-TURK sul problema degli immigrati, dei creditori in ISL per accordo, a rischio. Incontro GRECIA-IMF e creditori sulla gestione della ristrutturazione del debito. Dal BRAS conferme di economia sotto pressione, e in allentamento su URSS. E nel frattempo prosegue la pubblicazione dei risultati trimestrali USA, con vari in negativo marcato. Tagliate pure le previsioni di utili societari in ITL, ma al mercato sembra non interessare per nulla. E a trainare l’interesse sono sempre le elevate IPO, M&A in corso d’opera, che trainano il valore dei singoli titoli e settori. Fiacco, senza volumi, BONDS, con rendimenti stabili. Da sottolineare le ampie vendite / liquidazioni di debito Usa in atto dai cinesi, che per il momento viene assorbito dalla domanda domestica. E il sempre presente e latente rischio deflazione globale, che va a modificare e stimolare le politiche monetarie e valutarie delle singole banche centrali. Sul fronte del FOREX, fatto il primo target e supporto di brevissimo per EURO/doll, con EUR/GBP su min 1mese. Gli indicatori CHARTS di medio termine restano negativi per EURO, e positivi per DOLL. Prese profitto in atto su long ORO, verso target previsto in doll 1160. Ha ceduto CAD, sulle attese del risultato elettorale molto incerto. Stabile NOK, neutro, anche se il leggero calo correttivo di PETROLIO non aiuta. Segnali di top/resistenze sugli INDICI principali, con potenziale di nuova fase correttiva.

Martedì, 20 Ottobre, 2015
 

 

Copyright (c) 2009  Borse Pro. Tutti i diritti riservati.

Tassi

Tassi