Tu sei qui

Mercato senza direzione, Parigi di nuovo in primo piano

Mercoledì, 18 Novembre, 2015

Gli eventi in corso a Parigi hanno attirato di nuovo l’attenzione degli operatori, generando un movimento dimesso dei prezzi. Secondo l’autorità americana per l’aviazione civile (FAA), due voli dell’Air France dall’America diretti a Parigi sono stati deviati dopo aver ricevuto minacce di bombe negli USA e squadre speciali della polizia pattugliano Parigi. Nel comparto G10, i rendimenti dell’USD sono stati equilibrati, ciò indica una certa indecisione sui mercati. Gli indici regionali asiatici hanno avuto un andamento contrastato: il Nikkei ha guadagnato lo 0,9%, mentre l’Hang Seng e il Composite di Shanghai hanno perso rispettivamente lo 0,21% e l’1,01%. I future sui listini europei puntano a un’apertura in ribasso perché gli eventi di Parigi pesano sul sentiment degli investitori. L’USD/JPY ha mostrato una volatilità limitata, muovendosi in una fascia di 20 pip compresa fra 123,47 e 123,23. L’AUD/USD si è indebolito, in un contesto di scambi a singhiozzo, scendendo a 0,7091 da 0,7117. L’USD/CHF continua ad attirare una domanda solida, e nella seduta asiatica ha raggiunto un nuovo massimo pari a 1,0170. La PBoC ha aumentato la quotazione ufficiale dell’USD/CNY di 56 pip, a 6,3796, rovesciando il ribasso del prezzo ufficiale di ieri. Le materie prime e le valute a esse legate continuano ad avvertire l’offerta che colpisce il mercato. L’oro è sceso a 1.064 USD, ma poi è riuscito a compiere un rally all’apertura dei mercati europei, anche perché la copertura degli eventi a Parigi ha spinto gli investitori verso il principale rifugio sicuro. Il rame rimane debole, è sceso a 206 dollari. Rimaniamo nettamente ribassisti sulle valute legate alle materie prime come il CAD e la NOK perché l’eccesso di fornitura e la scarsa domanda dovrebbero fornire un tema strategico per il 2016 (insieme al percorso del rialzo del tasso della Fed). I prezzi del greggio sono saliti leggermente perché negli USA sono calate le scorte e aumenta l’attività delle raffinerie, ma il rally dovrebbe essere circoscritto. Poiché crescono i rischi sociali globali, e in previsione di verbali aggressivi dal FOMC, rimaniamo costruttivi sull’USD (anche se il rialzo ormai è quasi interamente scontato).

Mercoledì, 18 Novembre, 2015
 

 

Copyright (c) 2009  Borse Pro. Tutti i diritti riservati.

Tassi

Tassi