Tu sei qui

Libertà per i mercati azionari cinesi

Venerdì, 10 Luglio, 2015

Come previsto, la riunione della BoE è stata un non-evento. La banca centrale ha mantenuto invariato il tasso d’interesse di riferimento allo 0,5%, come pure l’entità del programma di acquisto di asset, a 375 miliardi di sterline. Come già i membri della Fed, anche i regolatori britannici hanno espresso preoccupazioni sulla situazione greca, preferendo posticipare l’inizio del ciclo restrittivo. I cross con la GBP non hanno reagito alla notizia, perché i partecipanti al mercato avevano già messo in conto la decisione. Negli ultimi due giorni la coppia GBP/USD si è mossa lateralmente, perché i negoziati greci non consentono agli operatori di esporsi in modo netto sui mercati dei cambi. La coppia EUR/GBP è riuscita a rimanere sopra la soglia psicologica a 0,72 e probabilmente troverà resistenza intorno a 0,7250 (massimi precedenti), mentre al ribasso un forte supporto giace a 0,7055. Prevediamo che oggi i mercati dei cambi rimarranno tranquilli perché gli operatori sono restii a esporsi in modo massiccio, visto l’esito altamente incerto dei negoziati greci. Tuttavia, se si arriverà a un accordo fra la Grecia e i creditori prima del fine settimana, sono prevedibili forti oscillazioni sia sul forex, sia sui mercati azionari.

Ieri negli USA, le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione hanno sorpreso al rialzo, attestandosi a 297 unità a fronte delle 275 mila previste. La fiducia dei consumatori misurata dall’indice di Bloomberg è scesa a 43,5 punti dai 44 della settimana precedente. Durante la seduta asiatica c’è stata un’inversione del momentum dell’EUR/USD, che ha cancellato le perdite subite durante la seduta europea e americana.

Venerdì, 10 Luglio, 2015
 

 

Copyright (c) 2009  Borse Pro. Tutti i diritti riservati.

Tassi

Tassi