Tu sei qui

L’USD recupera il terreno perduto nel comparto G10

Venerdì, 20 Novembre, 2015

Sui mercati dei cambi, l’USD ha recuperato parte del terreno perduto contro le divise G10 dopo il brusco calo di ieri. La curva dei tassi USA è salita leggermente nella parte delle scadenze brevi, i rendimenti dei titoli a due anni sono lievitati allo 0,909%, in rialzo di 5 punti base. Rispetto alle valute dei mercati emergenti, l’USD ha continuato a perdere terreno, in scia ai rally decisi di KRW, TWR e IDR. La PBoC ha abbassato lievemente la quotazione ufficiale dell’USD/CNY, ora a 6,3780. Nel complesso, i volumi sono stati scarsi dopo una settimana lunga ed emotivamente difficile. L’USD/JPY si è mosso fra 123,05 e 122,75, mentre l’AUD/USD è passato di mano fra 0,7185 e 0,7210. L’EUR/USD ha invertito l’attuale andamento rialzista, scendendo a 1,0704. Visti i pochi appuntamenti in calendario oggi, prevediamo che il trading di fascia continuerà e siamo orientati a strategie di mean reversion di breve termine (si veda a questo proposito la piattaforma quantistica di SQORE). Anche se sul forex la propensione al rischio è stata limitata, i mercati azionari continuano a mostrare uno sviluppo positivo. Gli indici regionali asiatici hanno chiuso in marginale rialzo, solo Taiwan ha archiviato la seduta con il segno meno. Il Nikkei e l’Hang Seng hanno guadagnato lo 0,10%, il Composite di Shanghai lo 0,37%. Negli USA, il vice presidente della Federal Reserve Stanley Fischer ha detto che i mercati finanziari sono pronti a un rialzo del tasso, perché la Fed ha modificato correttamente la sua strategia. All’Asia Economic Policy Conference, Fischer ha dichiarato che la Fed “ha fatto tutto il possibile per evitare di sorprendere i mercati e i governi nel momento in cui agiremo, al punto che vari banchieri centrali dei paesi emergenti dicono alla Fed ormai da un po’ di procedere”. Ha ribadito che ancora non è stata presa una decisione sulla tempistica esatta del primo rialzo del tasso da dieci anni, pur riconoscendo che “nel prossimo futuro probabilmente alcune fra le principali banche centrali inizieranno ad allontanarsi gradualmente dalla politica dei tassi d’interesse vicini allo zero”. Ci sembra che sia il segnale di un rialzo a dicembre. Rimaniamo costruttivi sull’USD nei confronti delle altre valute G10, sulla base dell’ulteriore divergenza fra le politiche monetarie.

Venerdì, 20 Novembre, 2015
 

 

Copyright (c) 2009  Borse Pro. Tutti i diritti riservati.

Tassi

Tassi