Situazione generale resta intatta, con una volatiltà molto limitata e quotazioni cambi entro fasce ristrette, consolidamento dopo nuova fase correttiva su indici.

Situazione generale resta intatta, con una VOLATILITà molto limitata e quotazioni CAMBI entro fasce ristrette, consolidamento dopo nuova fase correttiva su INDICI. Un nulla di fatto dal GIAPP dalla BoJ, in un mercato che si attendeva ulteriore ampia liquidità. Conseguenza il rialzo dello YEN, e calo marcato NIKKEI. Rimane attesa di azione da parte della CINA, a riportare fiducia nella sua crescita, e questo sostiene sentiment. IMF ha tagliato, seppur di poco, le sue previsioni di crescita globale, in un mercato, con governi e banche centrali che danno segnali differenti, di rafforzamento della ripresa. E dalla GER ulteriori dati, seppur positivi, sotto le aspettative, a segnalare un rallentamento in atto. E lo sappiamo, quando rallenta la locomotiva tedesca, il treno EU si ferma. La ricerca di rendimento rimane alta, e questo ha dato spinta a EMERGENTI, con titoli al massimo da 4mesi, grazie alla pronta reazione e azione di varie banche centrali, e al ridotto timore precedentemente innescato dalla politica monetaria FED di tapering. Il buon andamento politico in TURK, INDIA, SCorea hanno aiutato anche qui il sentiment. Questo ha permesso anche alla GRECIA di provare a rientrare nei mercati con una emissione di 5anni euro, con partenza odierna, di circa 1.5/2,5bln con un rendimento di 5.0/5.50pc. Dati positivi per AUD, NZD, UK, SEK, e spinta alle loro valute, con GBP ai massimi da 1mese su euro. Spinta per il PETROLIO, anche se sempre entro la sua fascia di medio termine, con pressioni elevate molto bilanciate, entro elevata offerta, e aumentata dal ritorno della Libia, e stoccaggi ai massimi globali, consumi in calo. Spinta in questi giorni dalle tensioni aumentate in UKR, come pure sul GRANO. Se vogliamo aggiungere un paio di preoccupazioni in piu’, visto che non ci sono nuovi fattori, possiamo prendere in considerazione le BANCHE, e gli EMERGENTI. Sul fronte EMERGENTI, anche IMF rialza il rischio sui debiti, nonostante la crescita robusta. Per le BANCHE, in USA le piu’ grandi, probabile che abbiamo una ulteriore necessità di doll 68bln. In EU in questi prossimi mesi, saranno sotto un controllo e verifica elevata dalle autorità, con test cruciali, sulla resistenza ai rischi, capitalizzazione, bilancio, conti, e tutto in preparazione per la nascente Unione Bancaria Europea. Il mercato dei DERIVATI ha raggiunto un livello di doll 693trillions. E il CARRYTRADE max aprile 2013, da genn +4pc. E il CHF continua robusto, ORO sostenuto. INDICI in leggera ripresa, correttiva della negatività subita da lunedì/martedì. Il DOLL resta nel basket index al suo minimo da 5mesi, in leggero calo SEKrona da commenti politica monetaria, di nuovo in calo YEN. E con la dichiarazione da FOMC, che il commento precedente è stato sovra-interpretato, che il rialzo dei tassi sarà lento e graduale, ha ridotto i timori, dando nuova linfa agli INDICI, e penalizzando il DOLL.

Dati Economici:

SOIA in rialzo a max 10mesi da previsto calo stoccaggi Usa – GRANO in rialzo – PETROLIO tensione Ukr sostiene, stoccaggi Usa in rialzo 4mln a 384.1mln – AEREI traffico Lufthansa passeggeri leggero rialzo, Swiss leggero calo – CH yield 10anni 0.91pc. Pilatus vendite record – UK bil comm febbr -9.09bln da -9,46. Export +2.4pc. import -14.8pc. Ryanair +4.0pc – GER bil comm febbr 15.7bln da 17.3. export -1.3 e +4.6anno, import +0.4 e +6.5anno. curr.acc. +13.9bln da 18.0. BMW vendite marzo +11.3pc, 1.trim +8.7pc, mini -17pc anno – FF Steria +20pc da progetto fusione SopraGroup. Fallimenti societari febbr +3.4pc – ITL btp/bund 164. Yield 10anni 3.20pc. Carige -6,5pc. Governo, prev crescita 0.8pc per 2014, taglio spese per 4.5bln. BoI, depositi in calo, prestiti privati in calo, industria domanda 1trim +15.9pc. Sofferenze 24.3pc da 24.5 febbr – GRECIA sciopero totale 24ore – ESP yield 10anni 3.20pc – PORT export febbr +4.7anno, import +5.0pc – SEK prev gdp 2.7pc e 3.3 nel 2015. Pareggio bilancio nel 2016 e +1.2pc/gdp nel 2018. Budget rigido, repo inv 0.75pc, previsto invariato – TURK 1bln obbl 9anni 4.2pc, domanda per 6volte – UNGH bil comm febbr +766mln da 647. Export +5.0pc, import +3.5pc – POL tassi 2.5pc inv, nel previsto. Governo, tassi invariati fino almeno 3trim, ripresa in atto prosegue, inflazione in calo – ROM bil comm genn –febbr -566mln – CECO cpi marzo 4.02pc anno inv – USA Tesoro, aspett inflazione su min 6mesi. Asta 10anni per 21bln, oggi 30anni. Intel -1500 persone in Costarica, BofA -3000 in Phil, Mex, Costa Rica. PlosserFED maggiori acquisti bonds non stimolano inflazione. EvansFED preocc per stretta prematura. LeviStrauss utili -53pc. Nuovi mutui -1.6pc ultima settimana. Scorte grossisti +0.5pc febbr. Alcoa +4.0pc, Facebook +7.3, GM -2.2pc – AUD nuovi mutui +2.3pc febbr, fid cons in rialzo – GIAPP Toyota richiama 6.39mln veicoli – Scorea mercato non crede in interventi contro forza won, cambio max dal 2008 su dollaro – CINA yields in calo minimo 1settimana – GHANA gdp 2013 +7,1pc, servizi +8.9pc, banche e assicurazioni +23.2pc, inflazione accelerata 14.5pc – BRL real in recupero.

Giovedì, 10 Aprile, 2014