Ieri abbiamo avuto una giornata di rinnovata ampia volatilità per quanto riguarda il CHF.

Ieri abbiamo avuto una giornata di rinnovata ampia volatilità per quanto riguarda il CHF. Effetti innescati dai COMMENTI BNS, di potenziali interventi, e dal Governo di misure per il mercato del lavoro. Come effetto, dai livelli sub-1.00/euro di ieri, abbiamo toccato 1.0380, e YIELDS 10anni da -0.30 risaliti a -0.08pc, spinta al rialzo per SMI index. Anche questi eccessi di brevissimo, rientrati velocemente, anche se il movimento correttivo contro il CHF è innescato, da livelli di forza eccessiva, e con fondamentali a rischio di elevato deterioramento. Contro i valori RIFUGIO, di cui anche il CHF, ha giocato anche il consolidamento dei DATI EU, del post-voto GRECIA, in un clima migliorato. Clima aiutato anche dal calo marcato del debito pubblico PORT, dati crescita UK robusti, che confermerebbero politica monetaria stabile, senza rialzo tassi. Rialzo delle previsioni di crescita in ESP, e IFO industria GER in netto miglioramento, con previsioni di crescita rialzate. Una fase correttiva che ha interessato anche l’EURO in recupero (target primo 1.1580/1.1620 e completo a 1.1750doll), e ORO in ripiegamento. PETROLIO in ulteriore consolidamento, segnali di graduale miglioramento sempre in atto. Il settore francking, di estrazione Usa, a rischio di ampi fallimenti, licenziamenti. E con rialzo petrolio, spinta per titoli settore, aud, nzd, cad e nok in particolare, mex, emergenti. BORSE cedenti in un mercato all’unisono a vedere questo settore come una scelta obbligata, ma con un aumento dei timori per gli UTILI societari, e livelli di ipercomprato (eccetto SMI-CH). E i DATI USA sono ancora sotto aspettative, ieri con gli ordini per beni durevoli, in ampio calo, non previsto. Prezzi immobiliare rallentati nonostante la fase positiva economica. Meglio invece la fiducia consumatori, salita oltre le attese, e la vendita di case nuove. Le aspettative di un rialzo TASSI USA restano inalterate, per metà anno/ settembre, indipendentemente dai dati economici o inflazione. In URSS dopo il taglio rating, borsa in rialzo oltre 2pc, rublo in ampio recupero, circa 2pc. Gli INDICI ieri in ASIA al max2mesi, in EU max7anni, con pubblicazione UTILI societari negativi a pesare. Stabili AUD, NZD, pressione CAD e NOK ulteriormente rinnovata, poi rientrata totalmente. GBP in volatilità, con attività ampia contro euro, recupera nel finale. PALL record storico, calo RAME, NIKEL, STAGNO, ZINCO, GRANO stabile a min 11settimane, da calo settore industriale CINA ampio. COMMODITY in recupero, a invariate, nel finale. Da notare che su ORO, gli acquisti da parte delle banche centrali è proseguito, per una valutazione annua di 400-500tons, NL ha aumentato le sue riserve oro per la prima volta dal 1998, URSS continua ad effettuare massicci acquisti da 9mesi. YIELDS sempre a ridosso dei record minimi, da bassissime aspettative di inflazione, timori congiuntura globale. SPREAD sostanzialmente invariati sui minimi, ASTE EU breve termine rendimenti in calo, domanda buona. Dai CHARTS si rafforzano i segnali di eccesso forza per USDOLL index, INDICI borsa EUstoxx, e CHF/cross, con di eccesso debolezza per EURO. In GRECIA presentato il nuovo Governo, con il ministro finanziario anti-euro, rischio di downgrade, yield 3anni +200bps a 14pc, titoli banche -11 /-14pc. Ma in generale il timore GREXIT recesso marcatamente, e pronti tutti per la fase interlocutoria, di discussione sul debito, piani rientro. I movimenti dei recenti giorni confermerebbero delle posizioni di mercato, di trading, sbagliate, al contrario, e quindi innescano cambiamenti di vedute susseguenti, ampi stop-loss, senza necessariamente avere delle forti giustificazioni alla base. Inneschi correttivi come anticipato, da elevati oversold / overbought presenti, dalla azione di governi e banche centrali, con commenti, azioni, anticipazioni, riunioni (Davos, ministri finanziari, voto Grecia). una situazione che sembrerebbe dover perdurare ancora qualche settimana.

Dati economici:

RAME -3.0pc – EU rispetto regole, nessun favoritismo, solidarietà ha limiti, per IMF, ECB. Unione mercato capitali entro 2019 – TURISMO internazionale 2014 +4.17pc – CH Novartis utili +12pc, fatturato +1.0. fallimenti societari 2014 -9pc, nuove società +2.0, e radiazioni -2.0. BNS mercati non ancora stabilizzati, pronta ad intervenire. Misure per mercato lavoro. Yield 10anni -0.08 – UK gdp 4.trim +0.5 e +2.7anno. EasyJet pasegg 1.trim +4.1pc, utili in rialzo, +3.0pc titolo. Nuovi mutui dic 35.7 da 36.7k. indice servizi genn +0.8 da 0.7 – GER governo, prev gdp 2015 rialzato a +1.5pc – FF nuobe costruz 2014 min 17anni, -10.3pc,occupazione inv. PM, euro tornato a livello fondamentali eco. Vinci -4.0. Sogefi +5.2 – ITL btp/bund 117. Yield 10anni 1.56. Delonghi +6.0, FCA -3.0, Saipem +5.0 – CECO debole kruna fino a fine rischio deflazione, levata regime sarà graduale e comunicato – TURK inflazione prev 2015 netto calo a 5pc, prev governo 5.5 da 6.1 e 5.0pc per 2016 – NL riserve oro primo rialzo dal 1998, a 20mln oz da 19.7. Philips post dati -4.0, Siemens -2.0, utili -67pc – SEK Ericsson post dati -2.0, ppi dic -0.3 e -0.1anno. bil comm +400mln, export/import in rialzo – POL gdp 2014 +3.3pc, domanda domestica +4.6, invest fissi +9,4, consumi priv +3.0, vendite dett +1.8, disocc 11.6pc – UNGH per 6.o mese consec tassi inv 2,0pc record min – USA Microsoft -9,0, vendite sotto attese. TexasInstr utili +61pc. DuPont buybak 4bln, vendite in calo. Pfizer prev deludono. 3M utili oltre prev. AmericanAirlines buybak 2bln. Caterpillar utili ampio calo, -7.0. Apple -3.0. ProcterGamble utili -31pc, vendite estero netto calo. Ordini beni durevoli dic -3.4pc, core -0.8. PMI servizi 54.0 da 53.3. fid.consumatori genn +9.8 a 102.9 e max 2007. Vendita case nuove +11.6pc a 481k, prezzi +4.3pc. richmond fed manifatt genn 7 da 6. REdBook -3.6 da -3.5 ultima settimana – CINA utili industrie calo a min 2011, dic -8,pc. Iniezione liquidità doll 9,6bln, yield in calo, prev crescita industria 8,0 da 9,5pc – HK post dati cinesi, -1.6pc da max 4mesi. Prada +6pc. Bil comm -59.3 da -52.2, export +0.6, import 1.9pc – GIAPP 10anni +4bps a 0.2560pc – SING immob in rallentamento, disponibilità in rialzo – MEX attività eco nov 0.49 da 0.59. bil comm dic -254mln da -1.067bln – BRAS Petrobras a rischio svalutzione per doll 18bln.

Mercoledì, 28 Gennaio, 2015