La coppia USD/JPY si muove defilata nonostante la vicinanza del supporto implicato dalla media mobile a 200 giorni (attorno a 101,67).

EURUSD

L’EUR/USD opera all’interno di una fascia orizzontale tra 1,3503 e 1,3677. Un supporto orario si trova a 1,3565 (minimo 20/06/2014, vedasi anche il ritracciamento a 61,8%). Una resistenza iniziale è data dalla linea di tendenza discendente (attorno a 1,3614). Un'altra resistenza può essere trovata a 1,3644 (massimo 19/06/2014 alto). In un’ottica a più lungo termine, la rottura del cuneo rialzista di lungo termine (vedasi anche il supporto a 1,3673), indica un evidente deterioramento della struttura tecnica. Il rischio di lungo termine verso l’area inferiore, implicato dalla formazione double top, è a 1,3379. Si intravedono supporti chiave a 1,3477 (minimo 03/02/2014) e a 1,3296 (minimo 07/11/2013).

GBPUSD

La coppia GBP/USD continua la sfida nei confronti della resistenza principale a 1,7043. Viene favorita un’impostazione rialzista finché reggerà il supporto orario a 1,6923 (minimo 18/06/2014). Un supporto iniziale può ubicarsi a 1,6985 (minimo intragiornaliero). A più lungo termine la propensione rialzista di medio termine resta favorita finché reggerà il supporto a 1,6693 (minimo 29/05/2014). Il persistente interesse all'acquisto favorisce un’eventuale violazione della resistenza principale a 1,7043 (massimo 05/08/2009). Altre resistenze si trovano a 1,7332 (vedasi il ritracciamento del 50% sul declino 2008) e a 1,7447 (minimo 11/09/2008).

USDJPY

La coppia USD/JPY si muove defilata nonostante la vicinanza del supporto implicato dalla media mobile a 200 giorni (attorno a 101,67). Un altro supporto si attesta a 101,43. Resistenze orarie stazionano a 102,20 (massimo 20/06/2014, vedasi altresì la linea di tendenza discendente) e a 102,36. Una propensione rialzista di lungo termine resta favorita finché reggerà il supporto chiave a 99,57 (minimo 19/11/2013). Monitorate l'area di supporto data dalla media mobile a 200 giorni e a 100,76 (minimo 04/02/2014). È necessaria una violazione della resistenza chiave a 103,02 per suggerire la fine dell’attuale fase di consolidamento. Un’importante resistenza si trova a 110,66 (massimo 15/08/2008).

USDCHF

La coppia USD/CHF ha testato con successo il supporto a 0,8908 (minimo 05/06/2014, vedasi altresì il ritracciamento a 38,2%). Tuttavia, il rimbalzo non è riuscito finora a violare la resistenza implicata dal ritracciamento del 61,8% a 0,8974, mentre la recente successione di minimi massimi permane intatta. Un altro supporto si ubica a 0,8883. Una robusta area di resistenza staziona tra 0,9012 e 0,9037. In una prospettiva a più lungo termine la violazione della resistenza chiave rialzista a 0,8953 suggerisce la fine della grande fase correttiva innescatasi a luglio 2012. Il potenziale rialzo a lungo termine, implicato dalla formazione a doppio fondo, è a 0,9207. Una resistenza chiave si trova a 0,9156 (massimo 21/01/2014).

Martedì, 24 Giugno, 2014