La debolezza dell’azionario statunitense e le vendite che hanno colpito i titoli legati alle materie prime spingono al ribasso i listini del vecchio continente. Chiusura a 11.500,38 punti per il Dax, lo 0,71% in meno rispetto al dato precedente, -1,12% per il Cac40 che si è fermato a 4.881,95 e -1,38% dell’Ibex a 10.902,2. Maglia nera per il Ftse100 che, penalizzato dal comparto minerario, ha terminato in rosso del 2,53% fermandosi a 6.702,84 punti.

La notizia del giorno è rappresentata dall’avvicendamento ai vertici del Credit Suisse: l’attuale Chief Executive Brady Dougan sarà rimpiazzato dal n.1 di Prudential, Tidjane Thiam. La scelta di Thiam è piaciuta agli operatori che da un lato hanno spinto il titolo dell’istituto elvetico (+7,76%) e dall’altro penalizzato il colosso finanziario di Newark (-3%).

Martedì, 10 Marzo, 2015