Tu sei qui

Borsa italiana migliore in Europa grazie ai bancari: Ftse Mib +0,69%

Giovedì, 06 Luglio, 2017

Borsa italiana migliore in Europa grazie ai bancari: Ftse Mib +0,69%.

  • Mercati azionari europei deboli. Wall Street in rosso:* a ridosso della chiusura delle borse europee, S&P 500 -0,51%, Nasdaq Composite -0,59%, Dow Jones Industrial -0,38%. A Milano il Ftse Mib ha terminato a +0,69%, il Ftse Italia All-Share a +0,56%, il Ftse Italia Mid Cap a -0,44%, il Ftse Italia Star a -0,34%.

  • Per quanto riguarda i dati macroeconomici della giornata odierna segnaliamo che negli USA la stima ADP* (National Employment Report) sul mondo del lavoro ha evidenziato, nel mese di giugno, una crescita di 158 mila nuovi impieghi. Il dato e' risultato nettamente inferiore alle attese degli addetti ai lavori che si aspettavano un incremento di 185 mila posti di lavoro. Rivista al ribasso anche la rilevazione precedente a 230 mila unità, da 253 mila. L'EIA (Energy Information Administration) ha comunicato che, nella settimana terminata lo scorso 30 giugno, le scorte di petrolio negli USA sono diminuite di 6,299 milioni di barili. Le stime degli analisti erano fissate su un decremento di 2,283 milioni barili. L'Institute for Supply Management ha comunicato che l'indice ISM non manifatturiero USA e' cresciuto nel mese di giugno a 57,4 punti dai 56,9 punti di maggio. Le previsioni degli economisti erano fissate su un indice pari a 56,5 punti. Nel mese di maggio negli USA la bilancia commerciale ha segnato un deficit pari a 46,5 miliardi di dollari, in calo rispetto al disavanzo di 47,6 mld del mese precedente risultando però inferiore alle attese fissate su un deficit di 46,2 mld. Il Dipartimento dell'Economia e della Tecnologia tedesco ha reso noto che a maggio gli ordinativi industriali sono cresciuti dell'1% rispetto al mese precedente, deludendo le stime degli analisti fissate su un incremento maggiore pari al 2%. Ad aprile tuttavia gli ordinativi erano scesi del 2,2%. Dai verbali dell'ultima riunione della BCE è emerso che il direttivo ha parlato dell'ipotesi di rimuovere dai comunicati l'impegno a estendere o prolungare il QE, decidendo di non farlo in attesa di segnali di ripresa dell'inflazione.

Giovedì, 06 Luglio, 2017
 

 

Copyright (c) 2009  Borse Pro. Tutti i diritti riservati.

Tassi

Tassi